martedì 20 ottobre 2015

Recensione Talon di Julie Kagawa

Titolo
Talon
Autrice
Julie Kagawa
Editore: Harlequin Mondadori
Prezzo: € 16,00
Ebook: € 9,99
Trama
Ci fu un tempo in cui i draghi furono cacciati fino quasi all'estinzione dai cavalieri dell'Ordine di San Giorgio. Da allora, nascosti sotto sembianze umane, i draghi di Talon sopravvissuti al massacro si sono moltiplicati e hanno acquisito maggiore forza e astuzia nel corso dei secoli: non manca molto a quando saranno pronti a diventare i padroni del mondo, senza che gli esseri umani nemmeno se lo immaginino. Ember e Dante Hill sono gli unici esemplari di draghi fratello e sorella, addestrati per infiltrarsi nella società degli uomini. Ember non vede l'ora di vivere come una teenager qualunque e godersi quell'unica estate di libertà che le sarà concessa, prima di ricoprire il ruolo a lei destinato dentro il regno di Talon. Ma l'Ordine è sulle loro tracce per terminare quanto non era stato fatto nel passato: annientarli tutti. Il cacciatore di draghi Garret Xavier Sebastian, però, non può uccidere, a meno che non sia sicuro di aver trovato la propria preda. E niente è certo quando si tratta di Ember Hill.

Recensione

Talon e l'Ordine di San Giorgio vivono da sempre una guerra cruenta, una battaglia che perdura da secoli. Umani contro draghi in anni di massacri e distruzione si sono dati la caccia, si sono annientati a vicenda e combattuti con fervore, senza scampo, senza tregua. Perché i draghi considerano gli umani al di sotto del loro livello e gli ultimi considerano queste bestie delle creature sanguinarie, senza princìpi né anima. Ma se un drago e un guerriero di San Giorgio si incontrassero, si frequentassero, imparassero ad amarsi e a rispettarsi, cosa accadrebbe? 
Cosa accadrebbe se tutto ciò che è stato insegnato loro, la guerra e l'odio, fossero solo una bugia con la quale vengono addestrati e cresciuti, sotto la più cieca convinzione di rappresentare il giusto, la parte corretta dell'universo? Succederebbe un gran casino, ve lo posso assicurare. 
Ember Hill è una giovane drago con sembianze umane, arrivata a Crescent Beach insieme al gemello Dante per integrarsi e mescolarsi con gli umani, per conoscere le loro abitudini sotto l'attento controllo di Talon, l'organizzazione in cui i draghi vivono e prosperano. 
Garret è un giovane guerriero dell'Ordine di San Giorgio, mandato in missione per seguire le tracce e stanare il drago di cui sospettano la presenza proprio a Crescent Beach. Garret non sa che Ember è un drago anche se tutti i sospetti vertono su di lei. E' incantato da quella ragazza, dal suo portamento energico e audace, dai segreti che cela dietro alla sua spumeggiante vitalità e alla sua travolgente dolcezza.  Ember non sa che Garret fa parte del nemico, di chi ha giurato di sterminare ogni drago vivente sul pianeta. Si sente attratta da lui, dal suo enigmatico sguardo, dalla sua contagiosa meraviglia nel scoprire emozioni e sensazioni nuove, dai suoi misteri, dai suoi turbamenti. In quel groviglio di sentimenti che gradualmente si fanno sempre più importanti, Ember si sente anche legata a un disertore che ha sfidato e tradito Talon e le sue rigide regole, che cerca in tutti i modi di liberare il drago dormiente che è in lei e portarla dalla sua parte. Ember scoprirà solo alcuni dei segreti celati da Talon, piccole e grandi menzogne che inizieranno a creare in lei un senso di disagio e ribellione. Combattuta tra la famiglia e la libertà, Ember intraprenderà un percorso tortuoso in cui solo il cuore saprà indicarle la giusta via. Sarà pronta a cedere a Talon o a tradire la sua razza? Magari per amore?
Talon è il primo volume di una trilogia young adult scritta da un'autrice che ho avuto modo di conoscere qualche anno fa grazie al suo, sempre paranormal romance, Immortal Rules. Se in Immortal Rules mi era piaciuto particolarmente il suo stile avvincente, temerario e ritmato, in Talon posso dire di aver ritrovato l'energia che me l'aveva fatta adorare, ma anche qualche elemento ancora più ammaliante e trascinante. Julie Kagawa sa come richiamare l'attenzione del lettore e, senza nessun tempo morto, continuare a tenerla viva, alimentando sempre più la fiamma del ritmo e dell'azione. Ho apprezzato tutti i personaggi secondari, dal primo all'ultimo, indispensabili per la storia e divenuti parte integrante di un percorso emozionante.  Diciamo che i protagonisti principali sono tre ai quali è affidato anche un ottimo trittico narrante, tre POV con i quali entrare in sinergia, appartenenti a tre personaggi di cui è possibile scoprire ogni sfumatura, ogni sensazione e piccola caratterizzazione. Garrett e Riley, i maschi più importanti - lasciamo stare Dante, per ora senza spina dorsale e al quale viene affidato solo l'ultimo punto di vista - sono eternamente divisi fra loro, per appartenenza ovviamente, ma non così lontani dal punto di vista emotivo e caratteriale. Li ho trovati molto dolci, entrambi traballanti dal lato emozionale, ma molto forti per quanto riguarda l'indole combattiva. Ember è una ragazza senza dubbio tosta, coraggiosa, che non molla tanto facilmente e lotta per ciò in cui crede. Tutti e tre si legano attorno ad una storia che, pagina dopo pagina, si innalza d'intensità e sprizza energia.  E' indubbiamente una storia per ragazzi, fresca, spontanea, rilassante, che unisce il fantasy ad un romanticismo in crescendo. Combina il lato fantastico, con creature mitologiche che personalmente amo alla follia, come i draghi, all'amore più fresco, ingenuo e gentile dei primi batticuori, delle prime forti emozioni. Talon è una lettura che mi ha catturata fino alla fine, piacevole e coinvolgente. Siccome è finito sul più bello, sono curiosa di conoscere come evolverà la storia e di come proseguirà la coesistenza di questo trio che, sono certa, creerà scintille.

4 commenti:

  1. Dopo una quarantina di pagine io l'ho interrotto e sono passata ad un altro libro >_<
    Lo continuerò sicuramente ma forse sbaglio a giudicarlo dopo quaranta pagine perché mi stavo annoiando? Scemottì, non vado più pazza per lo YA!
    Comunque spero di ricredermi anche perché la tua recensione invoglia a leggerlo e non me lo aspettavo ^-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, sul tema YA io e te siamo sempre d'accordo. Nemmeno io ne vado più pazza però...questo mi è piaciuto, forse perché parla di draghi e io amo i draghi! Non lo so, è un mix di tante cose che me l'ha fatto piacere. Prova ad andare avanti, magari ti prende di più!

      Elimina
  2. sono curiosissima su questo libro, ora anche di più

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Chiara! Sono contenta di averti incuriosita! Io quando si parla di draghi sono sempre un po' di parte ^_^

      Elimina