giovedì 21 maggio 2015

Recensione L'Anello Dei Faitoren di Emily Croy Barker

Titolo
L'Anello Dei Faitoren
Autrice
Emily Croy Barker
Valutazione

Editore
Giunti
Pagine
624
Prezzo
€ 16,00
Ebook
€ 9,99
Trama
A Nora le cose stanno andando decisamente per il verso storto: la sua tesi di laurea è nelle sabbie mobili e il suo fidanzato ha appena preso un aereo per comunicarle che la loro storia è finita. Dopo averlo rivisto a un matrimonio in compagnia della sua nuova fiamma, sconsolata Nora si allontana vagando per i boschi quando improvvisamente si imbatte in una lapide con un'iscrizione misteriosa. Poche frasi e Nora si ritrova a sua insaputa nel regno di Faitoren, dove tutto è bellissimo, più brillante, più colorato, più caldo... ma Illissa, la mondana regina che ha preso la ragazza sotto la sua ala, nasconde ben altre intenzioni. E quando Nora se ne accorge, non può far altro che rivolgersi al mago Aruendiel, il saggio detentore delle arti magiche e acerrimo nemico di Illissa... Riuscirà Nora a sciogliere l'incantesimo più potente, quello dell'anello che il figlio di Illissa le ha messo al dito? E a tornare nel mondo reale?

Recensione

Cosa accadrebbe se, oltrepassando il cancello di un cimitero collocato sulla cima di una montagna, velato da una sinistra foschia e abitato da sepolcri abbandonati, vi trovaste a pronunciare delle poche e semplici parole lette sulla parete polverosa di una tomba? Semplice,  vi farebbero varcare i confini di un luogo fiabesco, magico, intrigante, in cui tutto sembra festoso, brillante e perfetto. E' ciò che accade a Nora, la nostra protagonista. Al'improvviso, durante un'escursione, Nora si ritrova catapultata in un mondo in cui regna l'assoluta perfezione, in cui balli, feste e opulenza sembrano esercitare un ruolo fondamentale. Un luogo, però, in cui tutta questa perfezione nasconde qualcosa di malvagio e potente. Confusa, vittima di sortilegi e annebbiata dal potere di Ilissa, la regina dei Faitoren, Nora finisce per sposare Raclin, il giovane e affascinante figlio della sovrana. Sembra tutto perfetto, finché la vera natura dei Faitoren non esce allo scoperto e solo l'aiuto di un mago, Aruendiel, riesce a toglierla dalle grinfie di queste creaure. Insieme al mago, Nora scoprirà la magia e gli incantesimi che l'hanno resa loro prigioniera e dovrà imparare a usarli per difendersi. Perché c'è un potente sortilegio da sciogliere e deriva da un anello. Lo stesso anello che Raclin le ha messo al dito. 
L'Anello Dei Faitoren è un fantasy che sbarca in Italia portandosi dietro e regalando ai lettori una storia fatta di magia, incantesimi e incentrata sul personaggio delle fate. Dall'accenno di trama si può capire come queste fate, i Faitoren, nascondano dietro ricchezza e maestosità la loro natura malvagia, e all'inizio scopriremo come, tramite incantesimi, riescano ad ingannare la protagonista rendendola loro prigioniera. E' proprio all'inizio che proveremo, insieme a Nora, la sua reala confusione, un'appannamento che si farà via via più intenso col trascorrere del tempo. Sino al giorno in cui Nora scoprirà la crudeltà di Raclin e si ritroverà a chiedere aiuto al mago Aruendiel, e grazie a lui, farà cadere la barriera di incantesimi con cui era avvolta. L'inizio non è male, cattura subito l'attenzione e la stessa confusione che l'autrice infonde a Nora, viene provate in egual misura dal lettore, anche se immedesimarsi con lei risulta un po' più difficile. Il fatto è che, nonostante gli incantesimi di cui sappiamo è vittima, è stato difficile comprendere pienamente il suo personaggio, soprattutto all'inizio. Proseguendo, Nora ritorna la ragazza di sempre ed è lì che diventa una protagonista più forte, più completa. Scoprirà la magia, scoprirà l'uso dei poteri e si renderà conto del mondo fatato con cui è entrata in contatto. E' vero, le seicento pagine di cui è costituito il libro si fanno spesso sentire e qualche accorciatina l'avrei gradita volentieri. Troppi personaggi entrano in scena, molti di questi dal nome impronunciabile, piccole meteore che sfrecciano nel racconto ma non lasciano un segno tangibile alla narrazione. Nello stesso tempo, però, se non consideriamo le parti "di troppo", ho trovato che la storia, integrata ad una scrittura fluente e ricca, sia stata una lettura piacevole e che ha avuto la capacità, in determinati momenti, di trascinarmi nel mondo della magia insieme alla protagonista. Le creature soprannaturali e i numerosi luoghi e i variopinti personaggi che ne affollano le pagine sono tanti, davvero tantissimi, ma ho apprezzato molto la descrizione dei Faitoren e la strana caratterizzazione del personaggio Aruendiel. 
Claudicante in alcuni momenti, assolutamente delizioso in altri, L'Anello Dei Faitoren è un fantasy che si nutre di magia e personaggi multicolori. E' un romanzo carico, dalle linee originali e dalla scrittura creativa. Con molti aspetti lasciati in sospeso in questa prima parte, il secondo episodio dovrà svelarci i misteri, tanti, che non ci sono stati raccontati.

2 commenti:

  1. Fra, la storia è davvero intrigante. Non ti nascondo che mi piacerebbe leggerlo però la mole di pagine che come hai detto tu si fa sentire, mi spaventa parecchio. Magari aspetto il seguito o se sono ispirata mi ci butto. Sto facendo una lista di libri da leggere quest'estate e devo recuperare un sacco di cosucce ;D La Kleypas in primis ;p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava tesoro! Mi piace quando pianifichi l'estate! Dovrei farlo anche io! Non lo so comunque, secondo me non so quanto potrebbe piacerti :/

      Elimina