martedì 3 marzo 2015

Recensione Odio Quindi Amo di Susan Elizabeth Phillips

Titolo
Odio Quindi Amo
Autrice
Susan Elizabeth Phillips
Valutazione
Editore
Leggereditore
Prezzo
€ 9,90
Ebook
€ 4,99
Trama
All'epoca delle scuole superiori a Parrish, Mississippi, Sugar Beth Carey aveva il mondo in pugno. Era la ragazza più ricca e più popolare della scuola, era lei che decideva quali erano i tavoli più in della mensa, con quali ragazzi si poteva uscire e se l'imitazione di una borsa di Gucci era accettabile se non eri la figlia dell'imprenditore più ricco della città e non potevi permetterti l'originale. Bionda e divina, aveva regnato incontrastata. Quando aveva lasciato Parrish per andare all'università, aveva giurato di non farvi ritorno mai più. Solo che adesso, quindici anni e svariati mariti dopo, si ritrova senza soldi, senza speranze e senza alternative, e si vede costretta a tornare nella città che pensava di essersi lasciata alle spalle per sempre per cercare un quadro di enorme valore lasciatole in eredità da sua zia. Qui scopre che Winnie Davis, la sua nemica di più lunga data, adesso ha tutto il successo, i soldi e il prestigio che un tempo appartenevano a lei. E, peggio ancora, Colin Byrne ‒ l'uomo a cui Sugar Beth aveva distrutto la carriera ‒ è diventato uno scrittore ricco e famoso e ha acquistato la villa in cui Sugar Beth è cresciuta. Come se non bastasse, tutti gli abitanti di Parrish, primo fra tutti proprio Colin Byrne, sembrano intenzionati a vendicarsi di tutte le cattiverie che Sugar Beth ha compiuto durante gli anni della scuola. Tuttavia, nonostante la sua insolenza e il carattere apparentemente duro, Sugar Beth non è più la perfida ragazzina viziata che tutti ricordano. Adesso è una donna molto più saggia e più matura, e piano piano riuscirà a riconquistare l'affetto della città e a fare breccia nel cuore delle persone che avevano più motivi per odiarla. Troverà così delle amiche, una sorella e un nuovo amore che non si sarebbe mai aspettata.

Recensione

Sugar Beth possiede tutto quello che una ragazza della sua età vorrebbe avere: popolarità, ricchezza, bellezza, un ragazzo splendido che è innamorato pazzo di lei e una madre il cui rapporto speciale la rende la miglior confidente del mondo. Avrebbe tutto, ma non quello che realmente desidera: l'affetto e l'approvazione di suo padre. No, quello è riservato solo ed esclusivamente alla sua sorellastra, Winnie Davis, figlia avuta da un'amante di cui non si è preso nemmeno la briga di nascondere. 
Agli occhi di Sugar Beth, Winnie ha tutto. E' felice ed è amata. A lei non restano nemmeno le briciole dell'amore di un padre verso la propria figlia. Così, non le resta che vendicarsi nell'unico modo possibile e che conosce. Usa la sua popolarità per sconvolgere la vita di una timida, goffa e imbranata ragazzina come la sua sorellastra, umiliandola ed insultandola in ogni occasione possibile. 
Gli anni passano e Sugar Beth, sentendosi soffocare e smaniosa di vivere la sua vita, fugge da una piccola cittadina come Parrish ed esplora il mondo, portandosi dietro il suo insopprimibile desiderio di amare ed essere amata, facendo del male alle persone a lei care e lasciandosi dietro odio e disprezzo nei suoi confronti. Dopo tre mariti ed un percorso di vita durissimo, Sugar Beth torna a Parrish per trovare un dipinto della sua defunta zia Tallulah, una tela che varrebbe un mucchio di soldi. Ora al verde, quei soldi le servirebbero per delle nobili intenzioni, ma nessuno lì a Parrish ha intenzione di aiutarla o comprenderla. Tutti bramano vendetta e saranno disposti ad umiliarla pur di fargliela pagare per il male che la donna ha causato loro durante gli anni della scuola. 
Primo fra tutti, Colin Byrne, affermato e fascinoso scrittore ora, ma all'epoca giovanissimo professore, rispedito in Inghilterra dopo le false accuse per molestia sessuale che la ragazza gli ha rivolto. La seconda è certamente Winnie Davis, ora divenuta la donna più popolare e potente di Parrish e sposata con l'unico uomo che abbia mai davvero amato la sorellastra ai tempi della scuola, Ryan Galantine. Il loro matrimonio prende una piega inaspettata e complicata quando ricompare in città Sugar Beth. Tutti i problemi e i nodi irrisolti torneranno a galla per travolgere ogni singolo cittadino di Parrish e la nuova Sugar Beth. Soltanto Colin Byrne, dopo essersi preso la sua rivincita, riuscirà a capire che Sugar Beth, nascosta sotto strati di bugie e sarcasmo, è diventata una donna completamente diversa, buona, gentile e fragile. Soltanto lui può farle capire che l'ora delle menzogne è ormai finito. La verità e l'abbattimento di ogni sua barriera difensiva sono le uniche azoni possibili affinché Sugar Beth torni ad amare e sognare.
Per una volta, mi sono permessa di allungarmi molto con la trama perché, diciamocelo, le storie di Susan Elizabeth Phillips sono corpose e altrettanto difficili da spiegare in poche righe. La verità è che anche questa volta la Phillips non ha sbagliato un colpo. Il romanzo ti racchiude nel proprio bozzolo finché non l'hai terminato e ti travolge lasciandoti ebbra di emozioni e sentimenti irresistibilmente toccanti e seducenti. Amo davvero molto la bravura di quest'autrice, la sapiente maestria con cui riesce a sviluppare due storie diverse e amalgamarle in un unico, graffiante volume. Da una parte, Sugar Beth e Colin, due anime completamente diverse che si incontrano di nuovo e, con un solo sguardo, un sol tocco, si comprendono, si attraggono, si appartengono. La storia di Sugar Beth, che all'inizio la colloca al centro degli eventi come possibile strega cattiva - in realtà capiamo subito le fragilità e le insicurezze che la portano a comportarsi in quel determinato modo - viene delineata e sviluppata con attenzione, brillantezza e sarcasmo. Sugar Beth è irresistibilmente pungente, così come lo è il carattere mordace e appassionato di Colin. Insieme sono il ritratto della bellezza, non fisica ma mentale e caratteriale. Difficilmente ho mai amato dei personaggi in questo modo, ma essi  riescono a scavare e percorrere tunnel di innegabile alchimia col lettore, avvolgendolo e stregandolo in spire sinuose e potenti. L'attrazione e il legame che si vede formarsi tra i due non è tanto imprevedibile quanto è, invece, magico, travolgente, incantevole e divertente da leggere. 
Dall'altra parte abbiamo Winnie e Ryan, l'altra storia su cui l'autrice decide di soffermarsi e ricamare con la sua straordinaria penna. Winnie e Ryan sono sposati da quattordici anni, da quando Sugar Beth ha lasciato Parrish e si è portata con sè il cuore spezzato del ragazzo. Winnie, da sempre innamorata di lui, è stata un balsamo per le sue ferite aperte e, una volta rimasta incinta di Gigi, i due sono convolati a nozze senza chiedersi realmente se quell'amore fosse reale o solo un'unione fasulla dettata da cuori infranti. Dopo quattordici anni, dopo la ricomparsa di Sugar Beth, i dubbi, i rimorsi, colpevolizzarsi a vicenda, e le insicurezze torneranno prepotenti e pronte a mandare in crisi il loro affrettato matrimonio. Anche Ryan e Winnie, a dispetto del loro modo d'agire e del loro "odio" nei confronti di Sugar Beth, non fanno mai rimpiangere l'interruzione della parte dedicata ai primi due personaggi, ma appassionano e tengono incollato il lettore ai loro guai matrimoniali. Dolci, sensibili e fieri, Winnie e Ryan sono una coppia verso cui non si può non fare il tifo. 
La Phillips ci regala un altro romanzo impeccabile, un altro preziosa gemma con cui trascorrere delle ore indimenticabili. Così come con tutti i libri che compongono la serie Chicago Stars, anche Odio Quindi Amo si è rivelato un romanzo in cui l'imperfezione dei sentimenti umani e la perfezione delle emozioni che riesce a trasmettere al lettore regna sovrana. 

10 commenti:

  1. adoro quest'autrice proprio perchè riesce a farti amare personaggi così imperfetti. Questo libro non l'ho ancora letto, lo tengo lì per una "coccola" in un momento di bisogno, non so se mi sono spiegata, comunque bella questa recensione, amo quest'autrice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Chiara! Si, ho perfettamente capito e sono d'accordo! Anche la Phillips è una di quelle autrici che ti migliorano l'umore in un secondo :)

      Elimina
  2. Risposte
    1. Brava Ilenia! Con la Phillips non si sbaglia mai!

      Elimina
  3. Comprato proprio ieri (felicissima me) Aspetto anch'io a leggerlo perchè voglio lustrarmi gli occhi guardando la copertina e godere del possesso del libro *_* CIAO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande Paola! Con la Phillips non si può resistere eh? Colin secondo me ti piacerà!

      Elimina
  4. L'ho preso appena uscito in cartaceo. Alla Phillips non si può resistere. Sarà sicuramente una delle mie prossime letture. Bellissima recensione XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Dyane! *__* Fammi sapere cosa ne pensi, io l'ho amato tantissimo, ma questo si è capito già no?

      Elimina
  5. Della Phillips sto leggendo tutta la serie dei Chicago Stars, e mi piace molto come autrice!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evvai Sara!!!!! Ti invidio perché mi piacerebbe poterla rileggere di nuovo...magari più avanti! E' strepitosa! A che romanzo sei arrivata?

      Elimina