martedì 10 febbraio 2015

Recensione Una Più Uno di Jojo Moyes

Titolo
Una Più Uno
Autrice
Jojo Moyes
Valutazione
Editore
Mondadori
Pagine
396
Prezzo
€ 16,00
Trama
Jess Thomas, giovane mamma single con due figli da mantenere, fa del suo meglio per vivere dignitosamente, ma i sacrifici sono molti, specie quando non c'è nessuno che ti possa dare una mano. Suo marito se ne è andato da tempo, sua figlia Tanzie è un genietto dei numeri, ma per far fruttare il suo talento matematico c'è bisogno di un aiuto concreto. E poi c'è Nicky, un adolescente difficile come tutti i ragazzi della sua età, vittima di bullismo, che non può certo combattere da solo… La famiglia di Jess è proprio scombinata e spesso lei non sa come fare e corre dei rischi inutili, finché inaspettatamente sul suo cammino incontra Ed Nicholls, quell'antipatico uomo d'affari cui lei pulisce la casa per arrotondare. Jess e Ed non si conoscono affatto. Jess non sa che lui è travolto da una crisi profonda e che uno stupido errore gli è costato tutto, e Ed non sa fino a che punto la ragazza sia nei guai, ma entrambi sanno cosa significhi essere davvero soli e desiderano la stessa cosa. Capiscono, nonostante la loro diversità, che hanno molto da imparare l'uno dall'altra e che una più uno fa più di due. In questo suo nuovo romanzo, Jojo Moyes racconta con grande empatia una storia d'amore insolita e coinvolgente tra due persone che si incontrano in circostanze inverosimili, come solo la vita sa riservare. 

Recensione

Come direbbe Forrest Gump: "La vita è una scatola di cioccolatini, non sai mai quello che ti capita". Ed è un po' quello che Jojo Moyes vuole raccontarci con il suo Una Più Uno, sottolineando che la vita è proprio una girandola impazzita di emozioni, eventi, scelte, episodi e imprevisti. E' un lungo viaggio, un percorso di incognite. Non sai mai quale meta raggiungerai, quale delle tante porte a disposizione sarai capace di scegliere ed aprire, e chi o cosa troverai dall'altra parte di quella soglia. Però sai che, alla fine, ci arriverai. Una porta la dovrai aprire e dovrai possedere il coraggio per attraversarla. Poi, sarà tutta una questione di responsabilità miste alla fortuna, alla caparbietà, al modo in cui deciderai di affrontare la tua vita. Ed è di questo mix caotico e travolgente che l'autrice parla al proprio lettore tramite una storia familiare complessa, intensa, dolce e ingarbugliata. Jess è una madre single, con molti lavori e uno stipendio che basta a stento per sfamare sè stessa e la propria famiglia. Ha due figli a carico (uno nemmeno suo) e mille problemi da dover gestire. Il più grande, Nicky, è introverso, sempre chiuso in sè stesso e nasconde sotto strati di eye liner il suo perenne disagio adolescenziale. Isolato per la sua apparente diversità, è ora anche una vittima designata dei bulli della scuola e del quartiere. La più piccola, Tanzie, è un precoce genietto della matematica e sotto le lenti di occhiali troppo grandi per il suo piccolo viso, nasconde una dolcezza infinita e una maturità poco comune per la sua età. Poi c'è Norman, un enorme cane bavoso e puzzolente di razza non meglio identificata, che passa le proprie giornate a dormire. Ed infine, un ex marito disoccupato, lontano chilometri di distanza a cui non interessa granché della povertà in cui sono costretti a vivere i suoi figli. Un quadretto familiare in cui regna la rassegnazione. 
Eppure, in quel piccolo contesto di ristrettezze economiche e problemi a non finire, Jess non manca mai di trasmettere ai due ragazzi il proprio amore e il proprio supporto, la propria positività. E' una donna straordinariamente coraggiosa che non si lascia abbattere facilmente, nemmeno quando una prestigiosa scuola vorrebbe Tanzie come propria studentessa ma la retta annuale è troppo onerosa per poterla pagare. L'unico modo per poter riservare a sua figlia un futuro migliore del suo con un'istruzione autorevole, è quello di racimolare qualche soldo, condurla in Scozia e farla partecipare ad una Olimpiade di matematica. Con la vincita di quel concorso avrebbe i soldi sufficienti per iscriverla alla scuola dei sogni di sua figlia. Così, carica tutto sulla Rolls Royce scassata del suo ex marito, senza bollo e senza assicurazione, e parte per la Scozia. Quella che lei considererà una sventura, ovvero l'incrocio con una pattuglia e il relativo sequestro dell'automobile, sarà in realtà l'inizio della sua più grande fortuna. L'incontro con Ed Nicholls, padrone di una delle case in cui lavora come donna delle pulizie, si rivelerà presto un dono del cielo, la sua ultima possibilità per regalare a sua figlia il proprio sogno. Ed Nicholls è un uomo disperato. Accusato di insider trading per una banale sfortuna, rischia di perdere tutto ciò che possiede e di finire in carcere per molto tempo. Non sa bene cosa lo spinga a caricarli sulla propria auto e a scarrozzarli fino in Scozia, ma è durante quel viaggio che anche la vita di Ed si trasformerà, acquisterà una sfumatura dorata che lui non avrebbe mai creduto possibile. I giorni con quella sgangherata, folle e caotica famiglia lo renderanno un uomo diverso. 
Non avevo ancora letto nulla della Moyes, ma le dinamiche familiari incontrate in questo romanzo, il modo in cui vengono sviluppate e i legami forti con i quali la storia prende forma, catturano in un crescendo di emozioni e situazioni. Devo dire che l'autrice si è guadagnata un'altra fan per la raffinatezza con cui affronta certe meccaniche familiari, la delicatezza con cui le racconta al lettore, stemperando l'amarezza e raccogliendo apprezzamenti ad ogni pagina. Se all'inizio l'ho trovato lento, dopo una cinquantina di pagine sono rimasta imprigionata nella vita tutt'altro semplice di Jess e sulla sua incredibile famiglia. Jojo Moyes ci regala un'avventura splendida, irta di ostacoli, disperazione, caos, speranza e gioia. Ci fa conoscere una famiglia speciale e, alla fine del nostro percorso con loro, sentiremo di farne parte, di voler bene ad ognuno di loro in modo del tutto inaspettato. Rideremo, soffriremo, tiferemo con loro e per loro. Piangeremo e sorrideremo insieme aspettandoci il riscatto, l'arcobaleno che illuminerà le loro grigie giornate piovose. Perché il calcolo è semplice. La somma di un amore che provoca vertigini più una famiglia imperfetta ma unita regalano la felicità.

8 commenti:

  1. Sicuro ,sicuro che l'avrò. Bellissima e dolcissima recensione . CIAO :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Paola! Sono sicura che ti piacerà!

      Elimina
  2. ho letto Io prima di te e ne sono uscita devastata, ma adorante, però avevo paura a leggere altro, volevo essere "preparata". Mi sembra che questo sia più leggero come trama anche se sempre profondo. Mi piace lo stile, lo leggerò

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu pensa Chiara che io non ho voluto leggere Io Prima Di Te proprio perché ho paura e credo che continuerò a non volerlo leggere! Però questo lo puoi leggere, tranquilla. E' intenso ma con toni più lieti :)

      Elimina
  3. Ciao scemò :-*
    Nemmeno io ho letto nulla di quest'autrice perché ho capito che le storie che scrive sono un pò troppo tristi per il mio stato emotivo attuale ;p
    Però ci farò un pensierino su questo. Le tue recensioni sono sempre precise e meravigliose *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie amorina! Si, questo puoi leggerlo benissimo! Come dicevo a Chiara, è molto più leggero rispetto a Io Prima Di Te. Leggilo!

      Elimina
  4. bellissima questa recensione, non vedo l'ora di leggerlo =)

    -IL mio canale booktube: https://www.youtube.com/channel/UCD1m-hCPCQEeNd9YkM7Wj5g

    RispondiElimina