martedì 25 novembre 2014

Recensione Sconosciuti di Megan Hart

Titolo
Sconosciuti
Autrice
Megan Hart
Valutazione
 1/2
Editore
Harlequin Mondadori
Prezzo
€ 12,90
Ebook
€ 6,99
Trama
Il sesso a volte può essere una fuga, un mezzo per creare una realtà parallela, dove sentirsi vivi e smettere di pensare.
E' ciò che crede Stella che, ogni tanto nel fine settimana, prende un aereo e parte per una destinazione qualsiasi. Non importa quale, perché lei non è interessata a visitare questa o quella città, il suo obiettivo è un altro. Si ferma al bar dell'aeroporto e lì abborda uno sconosciuto per una notte di sesso anonimo e senza legami. Le sembra questo l'unico modo per alleggerire la tensione e le preoccupazioni della vita quotidiana. Finché un giorno, volando a Chicago per lavoro, incontra Matthew, un ex pilota, che entra nella sua vita in maniera inaspettata. Stella infatti, per la prima volta da tantissimo tempo, è realmente attratta da lui, tanto da smettere di fingere e dargli il suo vero nome. Il sesso tra loro è esplosivo e si crea un'intimità intensa e nuova per entrambi. Ma le cose non sono semplici come possono sembrare. Stella e Matthew, infatti, hanno un passato difficile con cui fare i conti e sentimenti con cui riconciliarsi.
Un romanzo intenso, che mostra come anche dal dolore più profondo si possa guarire.
Recensione
Saprete senz'altro - conclusione facilmente intuibile dalle mie recensioni poco entusiastiche nel corso degli anni - che non mi distinguo certo per essere una grande amante degli erotici. Ne ho letti diversi e solo pochi, pochissimi sono riusciti a non farmi storcere il naso, in qualche caso anche a farmi appassionare (appassionare, che parolone!) alle loro complicate e controverse acrobazie sotto le lenzuola. Non sono nemmeno una grandissima esperta perchè la mia esperienza, grazie al cielo, si ferma ad autrici del calibro di Sylvia Day, E.L. James, C.L. Parker, Maya Banks e Megan Hart. Come vi dicevo, pochissime hanno lasciato un segno distintivo e piacevole, mentre molte altre sono finite diritte nel dimenticatoio, e alcune delle quali le ho accompagnate personalmente nell'angolo più inesplorato del mio cervello. Bè, ad ogni lettore corrisponde un proprio gusto letterario o più d'uno, e io, mio malgrado, mi fermo a pochissimi erotici, non digerendone i contenuti. Voi direte, ma perchè ti fai del male iniziandone uno? E io vi rispondo: perchè spero che le mie poco gioiose e già intuitive aspettative vengano contraddette prima o poi. Eppure c'è un'autrice che mi sorprende sempre e che rende tutti questi erotici noiosini e forzati, delle letture sensate e piacevoli ed è proprio di lei e del suo nuovo romanzo che vi parlerò oggi. Sia chiaro, godetevi la recensione di un erotico (peraltro apprezzato) finchè dura, perchè da me ne vedrete molto poche. Detto questo, parliamo di Sconosciuti, un romanzo che si concentra, ovviamente con forte preponderanza, sull'erotismo ma che possiede al suo interno anche una forte concentrazione di intensità e di riflessione, data dall'evoluzione delle diverse sfaccettature con le quali l'autrice dipinge i suoi personaggi principali. Stella è una donna ferita, una donna che cerca con il sesso una via di fuga, un modo per rimediare alla solitudine che sente assalirla più spesso di quanto vorrebbe. Divorziata e con un figlio in fase adolescenziale, Stella evade dalla sua noiosa routine impersonando varie donne e concedendosi il piacere con uomini occasionali. Si concede dei viaggi, indossa parrucche, finge di non essere sè stessa per sfuggire al suo banale presente. In realtà, tutte le donne che impersona nei suoi viaggi, sono una piccola parte di sè stessa, quella dimenticata e gettata in un angolo a prender polvere, a subire i rimpianti e le colpe di un passato ancora troppo doloroso. Fino a quando non incontra Matthew e la necessità di perdere sè stessa per un breve ed intenso momento, svanisce con un battito di ciglia, rimpiazzato dal desiderio di amare ed essere amata e non più solo desiderata. Stella torna così a scoprire l'amore e a fare i conti con il prezzo dei ricordi, delle paure e delle perdite, dei sacrifici e dei rimorsi. Torna a sperare, torna a vivere, torna ad amare. Come è solita abituarci, Megan Hart disegna una storia densa di sofferenze e timori, in cui il puro piacere di una notte non risulta mai stucchevole agli occhi del lettore, ma serve da ingranaggio per costruire un rapporto in cui la voglia di perdersi e poi ritrovarsi diventa l'aspetto più complicato e significativo del romanzo. 
Amo molto l'intensità con cui l'autrice dipinge i suoi personaggi, le varie sfaccettature con cui li ricopre e li fa risaltare, rendendo il risultato finale ancora più bello ed efficace. Non sarà facile per Stella e Matthew tornare ad amare serenamente, senza condizionature o frustrazioni. Per loro, per chi ha vissuto l'amarezza di un divorzio e il peso gravante di un passato difficile, diventa problematico recuperare la fiducia in sè stessi e negli altri, donarsi nuovamente senza limitazioni, senza cedere alla tentazione di scappare e rifugiarsi al sicuro in quell'angolo di solitudine ordinaria e triste in cui sopravvivevano giornalmente. Eppure Megan Hart li fa uscire allo scoperto, li lascia travolgere dalle emozioni ed avvolgere dal senso di appartenenza a qualcosa: al cuore dell'altro. Sconosciuti è un romanzo sicuramente malinconico, in cui si assaporano diverse sensazioni, alcune più discutibili di altre e si respira l'insoddisfazione di una vita costruita sul dolore e sulla tristezza. Non è un romanzo romantico, se è questo che cercate, nè una storia tutta cuori e farfalle nello stomaco, nè possiede al suo interno facoltosi playboy incalliti e super milionari in cerca dell'amore destabilizzante ed eterno. Sconosciuti è un romanzo per adulti, un erotico con i suoi difetti e i suoi pregi, che però sa distinguersi dalla massa. Perlomeno, a me non è dispiaciuto. 

12 commenti:

  1. Ciao Francy!^^ Ma tu e Violet vi siete messe d'accordo?:) Non dirglielo, ma ho provato a leggere l'inizio di un libro preso a caso( di cui manco ricordo il titolo...@.@) che appartiene a questo genere tanto di moda: no comment!:D Comunque la tua è una recensione impeccabile, complimenti!^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tesoro! Ahaha io e Violet quando si tratta di erotici, però, non siamo mai d'accordo...ma l'adoro lo stesso :)

      Elimina
  2. Mi fa piacere la tua recensione, non negativa. Sto per leggerlo anche io, ne ero incuriosita. ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anto! Lo stai per leggere? Allora ti auguro una buonissima lettura, spero ti piaccia. Io con la Hart non vengo mai delusa!

      Elimina
  3. a me è un genere che piace molto, ma non tutto (ad esempio la Banks non la reggo) ma Megan Hart la adoro, mi piace come la parte relativa alle emozioni sia così profonda. Sono contenta che questo libro ti sia piaciuto, non vedo l'ora di leggerlo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono perfettamente d'accordo. Rispetto a molti altri romanzi del genere, la Hart riesce a legarti ai suoi personaggi grazie alle emozioni e alla complessità di alcune loro sfaccettature che spesso e volentieri distolgono l'attenzione dalle evoluzioni erotiche. E' molto brava in questo!

      Elimina
  4. Perdonami , perdonami se non ho letto tutta la recensione ma ho il libro in casa e quindi voglio farmi sorprendere.Adoro i suoi libri e ha uno stile tutto suo.Non sono libri prettamente erotici ,c'è molto di più .Sono contenta che ti è piaciuto *___*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, c'è molto, molto di più. Carissima Paola, non ti preoccupare, ti capisco. Anche se solitamente non dico molto della trama, perché non voglio svelarvi alcunché, capita anche a me di leggere qualche recensione e saltare dei passi :) Quindi assolutamente perdonata ^^

      Elimina
  5. Concordo con Chiara e come tu sai perfettamente io adoro gli erotici. Non ne ho letti tantissimi ma quattro sono rimasti nel mio cuore come le cinquanta sfumature, la crossfire serie, la this man trilogy, e la serie della Maxwell.
    Alcuni sono stati orribili altri passabili, altri molto carini. Comunque è un genere che mi piace. E tu la devi smettere! Sono anni che ci provi ahahah ;)
    Questo di Megan Hart però non mi ispira particolarmente...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha si lo so. Ancora devo capire come faccia a piacerti la Crossfire ^^ A parte gli scherzi, ormai sono anni che combattiamo io e te questa battaglia degli erotici e finché non me ne consigli uno decente ti tormenterò ihihih ^^

      Elimina
  6. Ciao Francy, dopo aver letto la tua recensione, non posso far altro che leggere questo libro.
    Non ho mai letto nulla di questa scrittrice, ma c'è sempre una prima volta.
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Manu! Che responsabilità...spero ti piaccia il genere, in qual caso allora si, te la consiglierei molto volentieri! Buona lettura e fammi sapere le tue impressioni!

      Elimina