martedì 11 novembre 2014

Recensione La Carezza Leggera Delle Primule di Patrizia Emilitri

Titolo
La Carezza Leggera Delle Primule
Autrice
Patrizia Emilitri
Valutazione
 1/2
Editore
Sperling & Kupfer
Pagine
264
Prezzo
€ 15,90
Ebook
€ 8,99
Trama
L’aria è gelida, a ricordare che l’inverno non è ancora finito. Un cielo plumbeo incornicia i pensieri di Claudia. Il sole sarebbe stato fuori luogo, nel giorno del funerale di sua madre. Lacrime, formalità, pratiche da sbrigare: il triste copione va in scena. Ma qualcosa di insolito accade quel pomeriggio stesso, quando Claudia riceve una strana busta accompagnata dalla lettera di una sconosciuta. La donna le affida un manoscritto inedito, una storia straordinaria di cui la ragazza, aspirante scrittrice, potrà servirsi per arrivare al successo. Clorinda è ricoverata in una casa di riposo. Ormai la sua vita è quasi tutta alle spalle. Ma lei nasconde un segreto che è arrivato il momento di svelare. Una vicenda che ha radici molto lontane, nel giorno in cui Clorinda ha sfidato il proprio destino, scampando alla morte. Per farlo, si è servita di un vecchio quaderno di ricette appartenuto a una donna accusata di stregoneria, e ha attirato su di sé una terribile condanna. Ora, dopo tutti quegli anni, ha finalmente trovato la persona cui consegnare la propria storia. Qualcuno che condivide con lei molto più di quanto possa immaginare. Qualcuno che, come è stato per lei in passato, dovrà fare una scelta pericolosa.
Recensione
Poche volte mi capita di rimanere senza parole di fronte ad un libro appena concluso e questa è una di quelle, in cui difficilmente riesco a concretizzare i miei piensieri in un semplice foglio di testo o post di blogger. Non perchè il libro non mi sia piaciuto. No, non è questo il punto. La mia totale incapacità di recensire questo libro è dovuto alla marea di sensazioni ed emozioni che questo è riuscito a darmi, rendendomi il compito assai arduo. Ma ci proverò. La mia passione mi incentiva a rendere concrete e a condividere con i miei lettori le emozioni provate durante la lettura, positive o negative che siano. Dopo questa premessa, potreste pensare che il libro non sia stato eccezionale o che comunque non mi abbia appassionato abbastanza. No, non è così. La Carezza Leggera Delle Primule è una storia forte, una storia di vita vissuta, una storia di odio, amore, rabbia, colpe da espiare, rimorsi, scelte obbligate e scelte che consumano a poco a poco l'anima di una persona. Questo romanzo ci mostra l'anima di una storia crudele e tragica, l'anima di una protagonista che lotta costantemente in bilico tra destino e condanna, tra amore e sofferenza. Clorinda, ai giorni nostri, è una donna ultacentenaria. Ha alle spalle una vita vissuta tra fango e sabbia vellutata, una vita intensa, ma terribilmente segnata da una sciagura, una maledizione inimmaginabile. Ed è proprio qui, al confine delicato tra stregoneria e realtà che il romanzo prende forma, allunga i suoi tentacoli predatori e modella una storia maledetta ed incantata insieme. Una storia alla quale difficilmente smetti di prestare attenzione, presa come sei dal cercar di comprendere le dinamiche e la sua struttura solida ed avvolgente. Clorinda è il fulcro centrale della narrazione, il personaggio sul quale si basa il romanzo e sul quale noi tenteremo di far chiarezza. Così come tenterà di fare la stessa cosa Claudia, altro personaggio importante ed indispensabile della storia, colei che incastrerà l'ultimo tassello della vita dispendiosa ed infelice di Clorinda. Sarà lei a svelarci, grazie ad un manoscritto, i segreti che l' anziana donna custodisce. Sarà lei l'elemento determinante della storia. Perchè? Cos'hanno in comune le due donne? Il quesito verrà svelato alla fine, anche se una parvenza di intuizione potremo già averla a narrazione inoltrata. Ciò non toglie che questo sia un romanzo che mi ha stupito su più fronti, ma il più importante viene senz'altro dalla storia di Clorinda, che come ho detto in precedenza, sorprende, atterrisce, colpisce ed incanta per determinati aspetti. La sua storia, irreale ma pur sempre palpabile, scalda l'anima e la riempie di sentimenti discordanti. Poi la raffredda, la imprigiona, la tramortisce, la sbriciola, l'annulla. La sua determinazione, il suo coraggio, il suo tenace istinto da combattente, la rendono viva e umana. 
Le scelte che intraprende, le colpe che la investono come un indistruttibile carro armato, la rendono un facile bersaglio di giudizi e recriminazioni, ma la rendono comunque umana nel suo pacchetto completo. La Clorinda di oggi è il prodotto di tutte le ingiustizie subite, di tutte le colpe  - volute e non volute - che le hanno scavato il cuore, sradicandolo dal suo consueto rifugio, di tutte le sofferenze vissute e di tutte le felicità perdute. E questo segna il lettore, accompagnandolo in una storia surreale, ma incredibilmente attraente ed avvolgente. La stregoneria è solo l'ultimo aspetto su cui dovremo soffermarci. La Carezza Leggera Delle Primule è un romanzo consigliato, scritto scrupolosamente da un'autrice in grado di dare cuore ed anima ad una storia difficile da descrivere, diversa, incredibile. Patrizia Emilitri, come un'abile violoncellista, compone una melodia tragica e vibrante insieme, appassionante e speciale che saprà sfiorare l'anima di noi lettori. Perchè sempre di anima torneremo a parlare. Perchè un libro, e questo non  fa eccezione, arricchisce l'anima di noi lettori.

12 commenti:

  1. Questa recensione mi ha sconvolto...
    Sono terrorizzata dal continuare questo libro ma sono anche troppo curiosa di sapere di che diavolo stai parlando ahahah :D
    Scegli sempre parole accurate tu eh! A parte gli scherzi sono contenta che ti sia piaciuto così tanto tanto perché mi aspettavo un voto inferiore da te. Che bello quando ci si sbaglia ^-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah la mia reputazione di cattiva mi precede eh? Povera me! Ed invece alle volte sono buonissima vedi? Spero che piacerà anche a te. Io l'ho trovato diverso, intenso e speciale nella sua irrealtà. Buona lettura tesorina!

      Elimina
  2. Ho sentito parlare sempre piuttosto bene di questo libro! Ottima recensione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille dolcissima Ilenia! Sono contenta che ti sia piaciuta!

      Elimina
  3. Bellissima recensione, complimenti! Ho questo libro in TBR e sarà uno dei prossimi che leggerò! Un abbraccio Maria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Maria, sei carinissima! Spero ti piacerà come è piaciuto a me ^_^ Buona lettura! Un abbraccio!

      Elimina
  4. Ho i brividi lungo la schiena......in quello che scrivi nelle tue recensione svegli i sentimenti delle persone, ma in questo ti sei superata. Prenderò sicuramento questo libro.
    Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Manuela, grazie tesoro! Mi hai fatto un complimento bellissimo che terrò stretto al cuore! Grazie davvero *.*

      Elimina
    2. Ciao Francy...l'ho letto!
      L'ho letto trattenendo il fiato. Avevo una sensazione di pesantezza sul petto e sul cuore, ma è stato incredibile.
      Grazie di cuore

      Elimina
    3. Manuela cara, sono molto contenta che tu l'abbia letto! Le tue parole mi rendono ogni volta davvero felice!

      Elimina
  5. Ottima recensione, il romanzo mi incuriosisce proprio tanto, anche se non so se sia il mio genere. Hai usato delle belle parole per descriverlo, spero proprio che, qualora lo leggessi, piacerà anche a me ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mirial cara grazie mille! Siete tutte dolcissime con questi complimenti, grazie! Sono contenta di aver trasmesso a voi le emozioni che il romanzo è riuscito a trasmettere a me. Guarda, io spero davvero che ti piaccia! Poi mi farai sapere ^^

      Elimina