martedì 21 ottobre 2014

Recensione Black Ice di Becca Fitzpatrick

Titolo
Black Ice
Autrice
Becca Fitzpatrick
Valutazione

Editore
Piemme
Pagine
480
Prezzo
€ 17,50
Trama
Britt si è preparata per più di un anno a un trekking sul Teton Range. Quello a cui non era preparata, però, è scoprire che Calvin, il suo ex ragazzo e unico grande amore, si unirà a lei. Prima che Britt abbia tempo di esplorare i propri sentimenti, si scatena una terribile tormenta che la obbliga a rifugarsi in una baita sperduta. Peccato che gli occupanti, entrambi giovani e molto affascinanti, siano anche due fuggitivi decisi a prenderla in ostaggio. Britt sa che la conoscenza dei sentieri e l’attrezzatura da treking che ha con sé rappresentano la sua assicurazione sulla vita, e che deve solo resistere abbastanza a lungo perché Calvin la raggiunga, eppure…
In una disperata corsa contro il tempo e il freddo, Britt scoprirà che sotto la neve si nascondono moltissimi segreti e che forse il suo rapitore, la cui gentilezza è decisamente seducente, non è quello che sembra.
Recensione
Britt e la sua migliore amica Korbie, si stanno preparando per una breve vacanza in montagna che comprenderà giorni e giorni di trekking sulle isolate cime dei monti Teton. Britt si sta preparando da mesi perché vorrebbe riconoscere a sé stessa e a Calvin, fratello maggiore di Korbie e con cui ha trascorso una travagliata - e per lei indimenticabile - storia d'amore ormai conclusa, di poter affrontare situazioni pesanti e pericolose, senza l'aiuto di nessuno, men che meno di una solida figura maschile. E' anche desiderosa di voler trascorrere del tempo con Calvin, proprio in montagna, per convincere sé stessa che i sentimenti a lungo provati per lui, ora non sono altro che dolci ricordi ai quali aggrapparsi nei momenti di solitudine. Sotto sotto, però, ne è ancora innamorata e vorrebbe che Calvin si accorgesse di lei, di non poter vivere senza di lei.  Quando salgono i ripidi pendii della montagna, una tormenta di neve le sorprende e le costringe a fermarsi per chiedere aiuto. Finiscono, così, in una baita apparentemente disabitata. Invece, con loro somma sorpresa, è occupata da due giovani ragazzi che  ben presto si riveleranno dei pericolosi criminali, sequestrandole. Mason e Shaun nascondono qualcosa di spaventoso ed inquietante e Britt li ricollega subito a tre diversi omicidi e sparizioni avvenuti in quelle zone durante l'anno. Inoltre, con uno di loro e cioè Mason, Britt aveva già incrociato il proprio cammino solamente il giorno prima. Il ragazzo simpatico, affascinante e gentile conosciuto alla stazione di servizio, ora è ombroso, scontroso, ostile e minaccioso. Che cosa nasconde? E' lui l'assassino ricercato? Oppure Shaun? Britt sarà l'unica a poter risolvere questo mistero.
Dovete sapere che ho amato tantissimo la serie Hush Hush (Il Bacio Dell'Angelo Caduto) di quest'autrice e Patch, tuttora, è uno dei miei personaggi maschili YA preferiti. Perciò mi aspettavo tanto da questo romance thriller e dalla penna graffiante della Fitzpatrick, unica a garantire emozioni, suspense, paura e pathos. In Black Ice, vacillano un po', devo essere sincera, regalandoci una storia avvincente e piacevole, il cui mistero, però, si perde per strada. Ma andiamo con ordine. La storia scorre bene, alternando il presente con il sequestro di Britt ad alcuni flashback che ci raccontano la storia con Calvin. Britt è un personaggio difficile da comprendere. Se un momento prima giura amore eterno a Calvin - questi pur comportandosi da perfetto idiota - un momento dopo è infatuata di Mason (Ahhhh Mason!) sospettando una perfetta sindrome di Stoccolma. Veniamo, invece, al punto dolente. La prevedibilità della storia e su dove l'autrice voglia andare a parare, è piuttosto evidente. L'ho capito molto prima di metà libro ed è questo, unito all'antipatia bruciante per Korbie - e spesso anche per Britt - a non avermi fatto apprezzare, come invece avrei voluto, l'insieme. C'è da dire, però, che lo stile diretto, intuitivo, romantico della Fitzpatrick rimane fresco ed intatto e regala al lettore qualche nota di dolcezza nel corso degli eventi. 
Al di là di mistero, thriller o romanticismo, Black Ice ha un unico punto comune per i protagonisti: la ricerca di qualcosa. Per qualcuno sarà la ricerca della verità, per altri la ricerca della redenzione, o la ricerca della vendetta, oppure la ricerca dell'approvazione o per altri ancora la ricerca di sé stessi. Tutti loro avranno qualcosa da perdere o da guadagnare da questa terribile avventura. Ed infine l'ambientazione. Ragazzi, io sono una patita di montagna e neve e lì, vi assicuro, ne troverete in abbondanza. La Fitzpatrick rischia di regalarci una facile ipotermia anche a noi lettori, avviluppando la sua storia tra il freddo pungente e il buio inquietante dei monti Teton, bufere di neve, piccole baite disabitate e lupi e grizzly affamati. Una cornice che funziona e che regala al romanzo una sfumatura cupa e gelida. Black Ice è una lettura che scorre velocemente, un'immersione nell'avventura, un thriller per ragazzi che donerà al lettore anche qualche pillola di romanticismo.

8 commenti:

  1. non la conosco quest'autrice, merita?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, io ho amato molto la saga de Il Bacio Dell'Angelo Caduto e la consiglio sempre a chi ama il paranormal romance YA. Purtroppo a questo libro è mancato qualcosa..

      Elimina
  2. concordo su tutto! soprattutto sulla protagonista :/ e sono rimasta un po' scontenta con il finale, abbastanza scontato e niente di memorabile :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara! Sono contenta che la pensiamo nello stesso modo! Anche io mi aspettavo qualche sorpresa nel finale, un colpo di scena...e invece nulla, che peccato :(

      Elimina
  3. Risposte
    1. Mi spiace Ilena :( Si vede che la pensiamo quasi tutti così...speriamo nel prossimo dai!!

      Elimina
  4. Uff!! Ma Becca è sempre Becca però e io la devo leggere assolutamente...
    Sto leggendo diverse opinioni come la tua però... alcune sono negative altre più positive...peccato :'(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un peccato si! Mi è spiaciuto perchè anche io adoro Becca! Adesso sono curiosa del tuo parere!

      Elimina