lunedì 29 settembre 2014

Recensione Le Quattro Lettere di Candace Camp

Titolo
Le Quattro Lettere
Autrice
Candace Camp
Valutazione
 1/2
Editore
Harlequin Mondadori
Prezzo
€ 12,90
Ebook
€ 6,99
Trama
Dopo che Selby Armiger si è tolto la vita per essere stato accusato di aver sottratto con l'inganno una grossa somma di denaro al figlio di un amico, tutta la Londra che conta ha voltato le spalle alla sua famiglia, e la sorella Julia sa bene che la propria esistenza futura è irrimediabilmente compromessa, insieme alla speranza di poter contrarre un buon matrimonio. Non ha più nulla da perdere, così è decisa a dimostrare la completa innocenza del fratello e la colpevolezza di lord Stonehaven, l'uomo che tre anni prima ha denunciato Selby e che, secondo Julia, è il vero artefice della truffa. Basterà l'astuzia di una giovane donna a incastrare l'affascinante e misterioso gentiluomo, o ci vorrà un'arma più pericolosa?
Recensione
Immergersi in un romance storico dopo essersi abbuffati di contemporanei, potrebbe rivelarsi un soffice balsamo che allieta la mente e stimola i sensi di noi, infaticabili lettrici romantiche. A maggior ragione se questi è un romanzo arricchito da una fragrante storia d'amore e di passione e condito con una generosa dose di battibecchi e tensione. L'eta è quella Regency, l'ambientazione ovviamente non poteva non essere che Londra. Julia Armiger è una donna determinata a scoprire la verità sulla morte del fratello Selby, apparentemente attribuita ad un suicidio. Dopo essere stato accusato da Lord Stonehaven di aver rubato un'ingente somma di denaro dal fondo fiduciario del figlio di un loro caro amico, Selby sembra essersi suicidato per la vergogna, ma sia sua sorella Julia che la moglie Phoebe, non credono a nulla di tutto ciò. Julia è convinta che suo fratello sia morto per un incidente e che, in realtà, il mascalzone che ha orchestrato tutto quanto non sia altri che lo stesso Stonehaven. Convinta di dover e poter provare a tutti i costi la colpevolezza di Stonehaven, Julia tenta di sedurlo per poi costringerlo alla confessione, non tenendo conto che il risultato di quella messinscena potrebbe rivelarsi una pericolosissima arma a doppio taglio. Julia verrà catturata dal fascino predatore e scaltro di Deverel Stonehaven e trascinata in una relazione incandescente e bellicosa. Inoltre, entrambi scopriranno che la morte di Selby nasconde, in realtà, molto più di ciò che sembra. Qualcuno trama nell'ombra affinchè gli intrighi e i segreti di quella morte rimangano celati.
Le Quattro Lettere è il primo romance, che dico, il primo libro che leggo di quest'autrice e l'esordio è stato senza dubbio positivo. Candace Camp ha intessuto una storia molto piacevole, densa di battibecchi, tensione, romanticismo e un intrigo che ha accompagnato lo svolgimento di una storia d'amore combattuta e complicata sin dal principio. 
Sono stata sempre attratta dai protagonisti maschili bellicosi, un po' alfa un po' presuntuosi, dominanti e convinti di sè stessi. Deverel Stonehaven ricalca questo genere di personaggio, anche se non totalmente, divenendo comunque uno degli elementi che più ho amato di questo romanzo. Il secondo aspetto, che ha reso senz'altro la storia pepata, è il personaggio femminile, uno di quelli verso cui non puoi far altro che provare simpatia e ammirazione. Tosta, tagliente, scandalosamente arguta, Julia Armiger è il ritratto della determinazione. Non si ferma davanti a niente pur di smascherare il vero colpevole della morte di suo fratello e riscattare il nome degli Armiger nella società londinese. Anche se questo vorrebbe dire sedurre l'uomo più desiderato di Londra ed affrontare il pericolo senza armatura. Julia e Deverevel formano una coppia perfetta: bellissimi, testardi, lodevoli e generosi, ma prima di capirlo dovranno affrontare diverbi, liti, incomprensioni e diffidenza. Anche la parte mistery, dedicata alla morte di Selby, ha rappresentato un elemento interessante e piacevole, nonostante io abbia comunque preferito la storia d'amore a tutto il resto. Non è un romanzo perfetto perchè a dire la verità qualche volta ho avuto l'impressione che la Camp avrebbe potuto dare un qualcosa in più agli intrecci narrativi e alla storia in sè. Ad ogni modo, è un libro che si legge piacevolmente, con una storia d'amore che ha tutte le qualità per intrigare ed attrarre le lettrici romantiche.

4 commenti:

  1. Carino. Mi piace. Mi intriga lui perciò devo saperne di più.
    Per la cronaca lo avevo già inserito nella lista ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei tornata ai romance storici? Brava, così si fa! :)

      Elimina
  2. io adoro i romanzi storici.....quindi dopo aver letto questa bella recensione non mi rimane altro da fare che leggere il libro ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Manuela! Spero proprio ti piaccia! Anche io amo molto i romance storici e questo è stata una piacevolissima lettura!

      Elimina