giovedì 19 giugno 2014

Recensione Stringimi Più Che Puoi di Gail McHugh

Titolo
Stringimi Più Che Puoi
Autrice
Gail McHugh
Valutazione
Editore
Newton Compton
Pagine
416
Prezzo
€ 9,90
Ebook € 4,99
Trama
Emily Cooper si è appena trasferita a New York, dove è pronta a iniziare una nuova vita. Ad attenderla nella sfavillante Manhattan c’è il suo fidanzato, Dillon Parker. Dillon è così gentile, dolce e premuroso con lei: le è stato sempre vicino e l’ha aiutata a superare il lutto per la morte di sua madre. Ora Emily non può immaginare di poter vivere senza di lui. Poi improvvisamente Emily incontra Gavin Blake. Bello, misterioso, ricco, affascinante, Gavin è un uomo pericoloso, un dongiovanni che può avere qualsiasi donna ai suoi piedi. Il loro incontro è breve, magnetico. Basta a infiammarle i sensi e a impedirle di pensare ad altro per giorni interi. Poi, quando per caso si incontrano di nuovo, l’attrazione tra loro è innegabile. Lei tenta di resistergli, ma lui è deciso a non lasciarla andare… Ed è disposto a tutto pur di possederla. 
Recensione
Inizialmente non avevo intenzione di scrivere una recensione su questo libro, e ciò accadeva per svariati motivi. Primo fra tutti il fatto che, una volta concluso, non riuscivo a comprendere quanto di questa storia e di questi personaggi mi fosse realmente piaciuto. Dopo qualche giorno, il groviglio di pensieri contrastanti si è fatto a poco a poco sempre più chiaro, sino ad arrivare alla conclusione che si, mi è piaciuto e no, non mi è piaciuto. Affascinante vero? Il mio cervello funziona in modo sconclusionato per il caldo, e solo per questo, fidatevi! Tornando al romanzo, la verità sta tutta nel mezzo. Non ne sono andata matta, ci sono alcune cose su cui avrei volentieri da ridire, ma nel complesso, non è stata una lettura da gettare nel cestino dei rifiuti. Andiamo con ordine e iniziamo dalla trama. Triangolo amoroso, verrebbe da chiedersi ad una prima, veloce lettura della sinossi. E la risposta è si. E' evidente che Emily ha molta carne al fuoco con cui deliziarsi. Da una parte lo storico fidanzato Dillon. Dolce, premuroso, attento, Dillon è stato l' uomo su cui Emily ha potuto contare durante la malattia e la morte della madre. Un vero pezzo di ragazzo, se escludiamo che ad un certo punto smette i panni del buon Herny Jeckyll e indossa la maschera di Mr Hyde trasformandosi nel più grande bastardo di tutti i tempi, con la sua gelosia/possessività, le sue escandescenze e il suo totale egocentrismo misto ad egoismo cosmico. Dall' altra parte, invece, sbuca Mr. Bello da mozzare il fiato con la sua dolcezza, la bellezza e il suo sexy appeal spaziale tale da mandare in calore l' intero popolo femminile con la sua sola presenza. Con queste premesse è difficile riuscire a resistergli, considerando anche il fatto che lui non si dà per vinto e, nonostante sia legato a Dillon da una recente amicizia, cerca di ingraziarsi la bella fanciulla rimanendole accanto come amico (bello mio, pessima...pessima idea). Avrete senz' altro capito che il risultato finale sarà disastroso per entrambi. Gavin non riuscirà a domare il fuoco che sente montargli dentro ogni volta che le è vicino, come Emily non sa gestire le proprie emozioni. Basta uno sguardo e il suo stomaco sfarfalla che è una bellezza. Quindi, se da una parte Emily è combattuta tra l' affetto e la gratitudine che prova per Dillon, dall' altra sarà dilaniata dall' attrazione (lasciatemelo dire) fatale per il bel tenebroso Gavin Blake. Metteteci in mezzo ex fidanzate pericolose, tradimenti, antipatie (ho semplicemente adorato Olivia, la migliore amica di Emily), incomprensioni e il polpettone sarà completo. Potrebbe essere persino una trama sfiziosa, è vero non originale, tuttavia intrigante. Eppure qualcosa stona e quel qualcosa ha un nome: Emily.
Non ci crederete, ma avrei voluto far cozzare la sua testolina contro il muro un milione di volte. E sia chiaro, non parlo della sua ritrosia ad ammettere che Dillon possa essere un uomo sbagliato e pericoloso per lei. A volte ci si sveglia da un sogno scoprendo che questo era una mera illusione. Perciò non giudico QUELLE scelte. Giudico e mi arrabbio quando si verificano banalissimi dietro front, calpestando sentimenti ed emozioni, nemmeno fosse una protagonista da target pre-adolescenziale. Inoltre, a prescindere dalle grandi fanfare con cui è stato elogiato e descritto da Emily (e dallo stuolo di donne che gli cadevano ai piedi), Gavin non mi ha convinto del tutto. Si, è dolce, bello, simpatico, affascinante, maturo. Tutto ciò che volete. Ma la scintilla è scattata solo nelle ultime pagine, ahimè. E quel Gavin, quel perfetto stronzetto, l' ho amabilmente adorato. Il romanzo poi scorre lento, troppo lento per i miei gusti, enfatizzando troppo spesso il desiderio inappagato di Emily e l' attrazione, assolutamente da combattere, per Gavin. Insomma, una storia interessante stretta tra tre protagonisti che avrebbero potuto dare molto di più. Non la boccio perchè in fondo, ma proprio in fondo (se escludiamo qualche parte in cui ho sbadigliato come un ghiro in letargo) non mi è del tutto dispiaciuta. 

4 commenti:

  1. Questo libro mi ispirava molto, l'ho preso e poi lasciato lì, mi hanno detto che non finisce e volevo aspettare ancora un po'. Dalla tua recensione mi ricorda il frutto proibito, libro che non mi è piaciuto molto, quindi penso che starà lì ad aspettarmi ancora per un po'

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Chiara! Uhm, non ho letto Il Frutto Proibito quindi non posso dirti se siano simili, però posso dirti con certezza che continuerà, si! Anche se del seguito non si sa ancora niente in Italia!

      Elimina
  2. Ciao Francy! Era da un po' che seguivo questo titolo ed, appena uscito, sono andata a recuperarlo. Non l'ho ancora letto però, perché so che c'è un seguito e so che mi tormenterei nell'attesa del secondo. Quindi pensò proprio che aspetterò. Visto come procede la Newton ultimamente, ci sono buone speranze che non debba aspettare molto. Speriamo bene :) La tua recensione però mi ha messo sul chi vive. Staremo a vedere.... Bacioni XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Dyane! In effetti, la storia non era male, mi aveva intrigato all' inizio, ma sono molto esigente per quanto riguarda i personaggi e, in questo libro, secondo me non sono stati all' altezza. Vedremo nel prossimo, sperando che arrivi presto ^_^ Un bacione grande!

      Elimina