martedì 24 giugno 2014

Recensione Sette Anni Di Peccato di Sylvia Day

Titolo
Sette Anni Di Peccato
Autrice
Sylvia Day
Valutazione
 1/2
Editore
Mondadori
Pagine
257
Prezzo
€ 14,90
Prezzo Ebook
€ 6,99
Trama
Più grande è la resistenza... Alla vigilia del suo matrimonio, Lady Jessica Sheffield si ritrova ad assistere a una scena immorale e peccaminosa che nessuna ragazza innocente come lei avrebbe mai potuto immaginare. Sorpresa, ma anche stranamente eccitata, decide di non rivelare la condotta scandalosa di Alistair Caulfield e di avviarsi verso il destino che era stato disegnato per lei. Ma dopo anni di matrimonio sereno e senza complicazioni, Jessica si accorge che l'immagine di Alistair è rimasta intatta, impressa a fuoco nella sua mente, e continua ad alimentare i sogni più illeciti. ... più dolce sarà la ricompensa. Alistair si allontanò il prima possibile da quell'innocente debuttante che aveva il fuoco della passione negli occhi e fuggì nelle Indie Occidentali. Ora è un commerciante di successo e ha molto poco in comune con il libertino che lei conobbe un tempo. Rimasta vedova, Jessica si imbarca sulla nave di Alistair ma si accorgerà ben presto che il desiderio messo a tacere negli ultimi sette anni tornerà, impetuoso, a impadronirsi di lei e li consumerà entrambi...
Recensione
Dopo una serie contemporanea che proprio non ero riuscita ad apprezzare, vale a dire la Crossfire Series, ho deciso di gettarmi a capofitto nell' historical romance e in particolare nella Inghilterra di debuttanti e dimore ottocentesche, in compagnia della sensualissima penna di Sylvia Day. 
Se l' erotismo contemporaneo non ha saputo regalarmi emozioni significative, quello storico è riuscito a modificare la mia personalissima e quanto mai insufficiente opinione sulla Day, trasformandola in una firma da apprezzare e seguire nel futuro. Sette Anni Di Peccato inizia catapultando il lettore, o per meglio dire la lettrice, nel bel mezzo dell' erotismo più acceso. Lady Jessica è in procinto di sposarsi e diventare moglie del prestante visconte Tarley. Giovane ed ingenua, Jessica non si sarebbe mai aspettata, la sera prima delle nozze, di assistere ad una scena peccaminosa come quella che le si presenta davanti agli occhi. Scossa ed al contempo intrigata dalla sensualità di Alistair Caulfield, affascinante e audace libertino, Jessica rimane a fissare l' intimità di quella scena, rapita dalle movenze disarmanti e feline del suo protagonista, salvo poi scappare imbarazzata tra le braccia del suo quasi marito. Passano sette anni e Jessica, diventata vedova da poco meno di un anno, si imbarca verso Calypso per controllare l' eredità lasciatale dal marito. Non sa, però, che la nave su cui starà per trascorrere diverse settimane è proprietà proprio di quel giovane che, in sette lunghi anni, non ha mai abbandonato i suoi ricordi e le sue fantasie più recondite. Dal canto suo, Alistair non ha mai dimenticato l' anima energica e l' incredibile bellezza di quella donna che, con un solo sguardo e con la sua grazia seducente, è riuscita a catturargli il cuore e a trattenerlo in ostaggio per sette, lunghi anni.
Sette Anni Di Peccato è un romanzo altalenante, a tratti superficiale, a tratti intrigante, in cui si uniscono basi di historical romance a linee marcate di erotico accurato. Il risultato finale è una lettura che attrae e scorre piacevolmente, al cui interno prende forma una storia d' amore godibile e scene erotiche altrettanto gradevoli. Ho apprezzato, per quanto fossi cosciente dell' erotismo della Day, che la maggior parte delle scene erotiche vengono sviluppate dalla parte centrale in poi lasciando, nella prima parte, la storia svolgersi con i tempi giusti.
Non sono mai stata particolarmente attratta e convinta da storie partite in quarta e senza un contenuto degno d' attenzione e profondità. Invece Sette Anni Di Peccato svela al suo interno storie di inquietudini, tormenti e passione, dando vita non solo alla vicenda di Alistair e Jessica, ma anche alla storia parallela e controversa della sorella di quest' ultima, Hester. Devo dire che, però, ho trovato determinate situazioni affrontate in maniera troppo blanda e superficiale, oserei dire quasi ad un livello base. 
Poco approfondimento quando, in realtà, l' avrei ben gradito. 
Specialmente nella storia di Hester che, per la prima parte, è riuscita ad avvincermi di più rispetto a quella che vedeva la sorella Jessica come protagonista. Un peccato perchè, a sorpresa, la Day spalma, su una storia prevedibilmente costruita attorno all' erotismo, un contesto toccante e drammatico. Jessica e Hester sono cresciute sotto le punizioni cruente e le botte di un padre ignobile e severo e questo le ha condotte entrambe ad una vita accompagnata dai terribili fantasmi del passato. Fantasmi che, per una delle due, tormentano tuttora il suo infelice presente. Il tocco emozionante e delicato rappresentato dalle due sorelle, regala a questa storia un pizzico di imprevedibilità e una tematica in più su cui approfondire determinate dinamiche. Al di là di questo e come dicevo all' inizio, Sylvia Day è comunque riuscita ad attirarmi sorprendentemente in questa storia, facendomi piacere la trama, l' evoluzione di questa e i suoi protagonisti.

6 commenti:

  1. Io adoro la Day e questa recensione mi offende ahahah :D
    Uff, e io che ci contavo su questo romanzo -_-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma Vi, 3 stelle e mezzo non è affatto male uffa!! Ok, forse sto diventando un po cattivella con le valutazioni, ma considerando che Sylvia Day non l' avevo proprio amata all' inizio, questo romanzo non è stata una delusione, anzi! Tu sei sempre una rompiscatole!! ^_^

      Elimina
  2. Francy, sono indecisa su questo libro! L'ho visto più volte sugli scaffali, ma non mi ha mai convinta del tutto. Però magari se un giorno lo troverò sulla tua speciale rubrica del sabato: Prossime uscite...già viste! magari ci farei un pensierino più serio.
    Intanto devo ancora leggermi la serie Crossfire!
    Corro ai ripari :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Dyane, potrei dirti molte cose sulla Crossfire, ma poi Violet mi tirerebbe dietro una scarpa, così evito :) A parte gli scherzi, questo libro non è stato affatto male, però credo che per il prossimo, Orgoglio e Piacere (che comunque non c'entra niente con questo) aspetterò anche io di vederlo in edizione economica! Troppi libri da leggere nel frattempo!

      Elimina
  3. amo molto la Day ma non gli storici, questa volta mi accontento delle recensioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ^_^ visto che sfornano romanzi di Sylvia Day ogni mese, credo non dovrai aspettare troppo per un altro contemporaneo :) io provo a leggere Afterburn/Aftershock..vediamo come sarà!

      Elimina