martedì 12 novembre 2013

Recensione Immortal Rules. Regole di Sangue di Julie Kagawa

Titolo
Immortal Rules. Regole di Sangue
Autrice
Julie Kagawa
Valutazione
    1/2
Editore
Fanucci
Pagine
480
Prezzo
€ 10,00
Ebook: € 4,99
Trama
In un mondo postapocalittico governato dai vampiri, gli umani sopravvissuti all’epidemia del Polmone Rosso hanno il destino segnato: arrendersi ai dominatori ed essere schedati e allevati in cambio del proprio sangue. Decidere di non sottoporsi alla registrazione significa mendicare ai margini della società, cercando di sfuggire ai continui attacchi di mutanti famelici originati dagli esperimenti per debellare il virus. È questa la realtà in cui Allison Sekemoto lotta per la sopravvivenza come una Non Registrata: i vampiri le hanno portato via la famiglia e tutti i suoi sogni e darebbe qualsiasi cosa per poterli sconfiggere. Ma il giorno in cui tocca a lei essere in pericolo di vita, è proprio un vampiro a darle una possibilità di scelta: morire come un’umana o diventare ciò che più odia per l’eternità. Allie sceglie di trasformarsi e non sarà facile difendere quel poco di umanità che le è rimasto. Soprattutto quando incontrerà qualcuno capace di vedere oltre il mostro che è diventata…
La Terra così come la conosciamo noi oggi non esiste più, completamente debellata dal virus del Polmone Rosso. Le poche città rimaste sono un cumulo di macerie in disfacimento, protette da mura invalicabili e governate dai signori vampiri. Il resto della popolazione umana sopravvissuta all' epidemia del Polmone Rosso è costretta a vivere sotto l' egemonia dei vampiri che ne controllano l' esistenza. Il resto degli umani vive in povertà al Margine, diviso in bande e relegato nei tetri bassifondi. A minacciarli, non solo i terribili vampiri, ma delle creature abominevoli che vivono sottoterra: gli idrofobi. Allison Sekemoto vive al Margine e fa parte di una piccola banda che sopravvive giorno dopo giorno al pericolo di vampiri e idrofobi. E sono proprio gli idrofobi e i vampiri che segneranno la sua morte e la sua rinascita. Quando la sua banda viene spazzata via dagli idrofobi e lei ferita mortalmente da uno di questi, Allison viene salvata da un potente vampiro, Kanin, il quale la trasformerà a sua volta in uno di loro. La creatura che Allison, col tempo, ha imparato a disprezzare e odiare più di ogni altra cosa al mondo. Kanin, inaspettatamente, si rivelerà un ottimo insegnante, aiutandola e guidandola nella conoscenza dei vampiri e degli idrofobi, proteggendola dalle minacce ma rimanendo allo stesso tempo un personaggio enigmatico. Allison dovrà combattere contro la Fame e la paura di diventare un mostro senza anima, soprattutto quando il destino la porterà tra un gruppo di umani vagabondi e al fianco di Zeke, un ragazzo coraggioso e gentile verso il quale inizierà ben presto a nutrire sentimenti.

"Sei un mostro". La voce profonda di Kanin mi ronzò di nuovo nella mente quando mi sforzai di muovermi, di allontanarmi. "Resterai per sempre un mostro, non puoi più tornare indietro. Ma dipende esclusivamente da te che tipo di mostro diventerai."

Immortal Rules è il primo volume della serie paranormal Blood of Eden scritta da Julie Kagawa. Aspettavo con ansia quest' autrice soprattutto grazie alle valutazioni eccellenti dei lettori nei confronti di questa scrittrice e di questa saga. Devo dire che Immortal Rules non è il romanzo che immaginavo. Immortal Rules non è un semplice paranormal classico sui vampiri, nonostante le basi da cui parte e le conoscenze su queste creature siano le tipiche a cui siamo abituati a leggere nei romanzi. In realtà il libro possiede molti elementi in più rispetto a qualsiasi paranormal grazie all' ingrediente distopico, grazie a personaggi tutt' altro che banali e grazie ad una narrazione in costante crescita e dotata di pathos e tensione sino alla fine. Partiamo dall' ambientazione di Nuova Covington, una città completamente in rovina nella quale prende il via la storia di Allison Sekemoto. Nuova Covington è dominata da un signore vampiro che risiede nel nucleo dalla città, contornato da Favoriti e umani al suo servizio. E poi c'è il Margine, il quartiere delle bande e dei Non Registrati, esseri umani ai quali i vampiri non possono imporre il loro sigillo di proprietà, ma persone costrette a vivere nella miseria lottando spesso tra loro nella ricerca di cibo e per la sopravvivenza. L' elemento distopico e di facile comprensione, rende Immortal Rules maggiormente interessante ed affascinante. Per quanto riguarda i personaggi, devo dire che la Kagawa sa sorprendere fino alle ultime pagine. Quando ho iniziato la lettura e conosciuto Allison, ma soprattutto Kanin, sono rimasta sbalordita. Inizialmente Allison mi sembrava la classica protagonista femminile con fegato e cuore e poco altro, ma proseguendo nella lettura mi sono accorta che lei era molto più di questo. E' un personaggio incredibilmente tosto, duro, una ragazza con tutti gli attributi. Allison durante tutto il libro, non solo lotta contro gli idrofobi e contro i pregiudizi degli umani, ma lotta in special modo contro sè stessa e contro la paura di diventare un mostro, contro il timore di vedere la propria umanità scivolare via giorno dopo giorno. Lotta per preservare la vita di quegli umani che nutrono per lei solo sospetto e disprezzo. Lotta per salvarli e condurli sani e salvi, nonostante tutto, a Eden, la salvezza. Lotta contro i sentimenti per Zeke, impossibili da portare avanti per la sicurezza stessa del ragazzo. Allison è un personaggio sicuramente complesso ma tremendamente amabile da tutti i punti di vista. Un vampiro estremamente leale, un' eroina coraggiosa e una fiera guerriera. Una protagonista che oscura tutti i personaggi presenti nel romanzo, adombrando persino quelli maschili, comunque importanti. Kanin, uno di questi, è stata un' altra graditissima sorpresa. Istantaneamente innamorata di questo personaggio, mi sono chiesta ad un certo punto come la Kagawa avrebbe affrontato la sua "sparizione" e con quali altri personaggi avrebbe proseguito la narrazione. Sono sincera, non pensavo che riuscisse a colmare la mancanza di Kanin e invece ecco che la Kagawa tira fuori un altro asso nella manica e porta al centro della scena uno Zeke assolutamente soddisfacente. Il bello di questa lettura, come dicevo poc'anzi è proprio la variegata moltitudine di personaggi speciali, la tensione, la coinvolgente suspense, le tinte dark e il ritmo costantemente sostenuto. Julie Kagawa ci lascia con un finale che apre nuovi sviluppi e sorprese per una serie senz' altro speciale e molto ben congeniata. Non vedo l' ora di conoscere il futuro di Allison e rivedere il misterioso Kanin.

0 commenti:

Posta un commento