lunedì 18 novembre 2013

Recensione Dark Heaven. L' Abbraccio dell' Angelo di Bianca Leoni Capello

Titolo
Dark Heaven. L' Abbraccio dell' Angelo
Autrice
Bianca Leoni Capello
Valutazione
  
Editore
Sperling & Kupfer
Pagine
280
Prezzo
€ 16,90
Trama
Dopo essersi rincorsi per molti secoli e per molte vite, Virginia e Damien si sono finalmente ritrovati. Ora però lui è un angelo caduto e, in quanto tale, l'amore gli è negato. Per ottenere il perdono delle più alte sfere celesti e vivere accanto alla ragazza che ama, Damien è costretto ad affrontare una prova difficilissima: resistere a una tentazione squisitamente umana. Ma, nel lungo cammino verso la felicità, gli ostacoli sono sempre in agguato. Le forze del male infatti minacciano tutto ciò che Damien e Virginia hanno di più caro. Soprattutto Penny e Francesco, gli amici di sempre...
Damien e Virginia sono finalmente liberi di godersi, per il momento, il loro incantevole amore alla luce del sole. Dopo secoli di reincarnazioni, odio, rabbia e amore, i due ragazzi sembrano assaporare la felicità e tendere una mano verso il lieto fine. Quando tutto sembra procedere per il meglio, quando i problemi e i timori per il futuro non appaiono così insormontabili come all' inizio, quando niente è più importante dello stare insieme e ritrovarsi, ecco che il male e le tenebre oscurano nuovamente le calli veneziane e l' amore tra i due giovani. Il pericolo creduto uno sbuffo del passato torna prepotente a farsi strada nella vita di Damien e Virginia. Amelia, il demone degli Oscuri è in agguato per vendicarsi. Penny e Francesco, i due migliori amici di Virginia, innamorati come non mai, dovranno combattere contro una minaccia che rischierà di deturpare il loro prezioso amore. Riusciranno, i quattro, a trovare nuovamente la luce in questo mare di tenebre?
Dark Heaven. L' Abbraccio dell' Angelo è il secondo volume della serie urban fantasy made in Italy scritta da Bianca Leoni Capello, pseudonimo sotto al quale si celano due autrici italianissime, Flavia Pecorari e Lorenza Stroppa. In questo secondo romanzo le atmosfere che circondano la storia e la narrazione sono ancora quelle di una magnifica e struggente Venezia. Qui, accomodata tra le tenebrose calli veneziane e una laguna cupa e silenziosa, riprende il nostro viaggio con Damien e Virginia e con Penny e Francesco, grazie alla storia parallela conosciuta nel primo e ora maggiormente approfondita. Ne L' Abbraccio dell' Angelo vengono messe in risalto, ancora più del precedente, quelle tinte marcatamente dark già sperimentate in Dark Heaven. La Carezza dell' Angelo. I personaggi formalmente ben caratterizzati sanno stupire e coinvolgere nelle loro azioni, anche se spesso peccano di un pochino di immaturità in più punti. Damien, molto meno rabbioso e concedetemi il termine "crudele" dato il primo libro, è una persona completamente diversa, acquietata dall' amore per Virginia ma nonostante tutto ancora timoroso di vivere la propria felicità, e soprattutto completamente preso dalla preoccupazione per il suo migliore amico nei guai. 
Inoltre Damien dovrà combattere, così come Virginia, con la quotidianità della vita di coppia e principalmente con i lampi di gelosia e un nemico davvero molto astuto. 
La lettura scorre molto velocemente grazie allo stile fluido ed elegante delle due autrici. Si può dire che questo nuovo volume non subisce grandi perdite rispetto al precedente nè però acquista nuovi punti di forza. Fondamentalmente richiama molti dei classici intrecci vissuti con molti young adult anche se l' ambientazione italiana e il fascino angeli/demoni, odio/amore sono sempre concetti che rendono questa lettura estremamente piacevole. Le autrici, inoltre, regalano alla storia dei richiami a vite e ricordi passati che renderanno il romanzo ancora più interessante. In definitiva L' Abbraccio dell' Angelo è una lettura molto veloce, non troppo impegnativa ma coinvolgente. Sicuramente è un buon proseguimento per una serie italiana da non sottovalutare. Vedremo cosa accadrà nel prossimo volume grazie ad un finale a dir poco sconvolgente.

1 commento:

  1. bella recensione e per quanto riguarda il libro mi aspettavo di piu

    RispondiElimina