martedì 29 ottobre 2013

Recensione Legend di Marie Lu

Titolo
Legend
Autrice
Marie Lu
Valutazione
   
Editore
Piemme
Pagine
264
Prezzo
€ 16,50
Trama
Los Angeles, Stati Uniti. Il Nord America è spaccato in due e, tra la Repubblica e le Colonie, la guerra sembra destinata a non finire mai. June è una quindicenne prodigio, nata e cresciuta in una famiglia appartenente alle più alte sfere della Repubblica. Ha un vero talento nel mettersi nei guai con i suoi superiori e le sue bravate al collegio militare sono spesso decisamente pericolose. Da quando i suoi genitori sono rimasti uccisi in un incidente stradale, l’unico su cui sa di poter sempre contare è il fratello maggiore Metias. Almeno fino al giorno in cui Metias viene assassinato in circostanze misteriose mentre è a guardia di un ospedale. Il primo sospettato è Day, un ragazzo della stessa età di June, ma proveniente dai più miseri bassifondi della Repubblica. Nonché il criminale più ricercato del paese. June ha un unico desiderio, vendicare la morte di suo fratello, ma il giorno in cui la sua strada e quella di Day si incroceranno per la prima volta, niente sarà più come prima…
Ma quanto mi piacciono i distopici? Ultimamente sto avendo una vera e propria esplosione di entusiasmo per i romanzi catalogati in questo genere. Magari possono sembrare anche tutti piuttosto simili o comunque con elementi rassomiglianti, ed invece ognuno di loro riesce a donare le proprie qualità e peculiarità arrivando dritto al cuore del lettore, con i propri pregi e difetti, ma soprattutto con la coinvolgente suspense narrativa intrinseca nella maggior parte di questi.
Così come nel classico distopico che si rispetti, anche in Legend abbiamo un mondo radicalmente e brutalmente cambiato. Diviso tra Repubblica e Colonie, il mondo descritto da Marie Lu è essenzialmente crudo, diviso in modo radicale tra ricchi e poveri, tra benestanti e civili a cui restano ben pochi averi. Nei bassifondi della Repubblica vivono per l' appunto famiglie intere a cui la Repubblica ha tolto ogni cosa. Persone povere che devono difendersi non solo dalla miseria in cui vivono, ma soprattutto dal morbo, un virus che ogni anno provoca la morte di centinaia di migliaia di persone. Di come avvenga il contagio nessuno sospetta nulla. Come sopravvivere? Grazie ai vaccini che la società mette a disposizione facendosi lautamente pagare dalle povere famiglie in difficoltà. Ed è proprio a causa del morbo che i nostri due protagonisti si incontreranno. June Iparis è devastata dalla morte di suo fratello avvenuta in un ospedale di Batalla per mano del criminale più ricercato di tutti i tempi: Day. 
Non si conoscono i tratti del suo viso, non si conosce la sua età. Di Day si conosce soltanto il nome. June è decisa a scovare Day in ogni angolo della terra e a consumare la sua vendetta. Non dovrà aspettare molto. June e Day si incontrano casualmente in un combattimento clandestino in uno dei quartieri poveri della Repubblica, e ferita da un' arma da taglio, June viene soccorsa proprio dal criminale che con grande accanimento sta cercando. Ma dal momento in cui si incontreranno per entrambi niente sarà più come prima. La vendetta, l' odio, la rivalsa verranno stravolti dalla scoperta di importanti segreti. Segreti, tradimenti e misteri che la Repubblica cela consapevolmente ai propri cittadini.
Legend è il primo libro di questa nuova, entusiasmante trilogia di Marie Lu. Come spesso accade per un distopico, ci troviamo di fronte ad un mondo di una violenza brutale, cruda, inimmaginabile. Persone costrette a lottare e a ribellarsi dinnanzi ad una società egoista e disumana. E come spesso avviene, ci troviamo di fronte a veri e propri ribelli, uomini e donne in grado di sostenere una lunga lotta contro questa società. In questo caso, però, Day è un ricercato che lavora solo per se stesso. Un "criminale" che colpisce la Repubblica per aiutare economicamente ed alleviare le pene della sua famiglia. Non ci troviamo di fronte ad un uomo, come sembrerebbe leggendo il suo punto di vista nella narrazione. No, Day è un semplice e giovanissimo ragazzo. Intelligente, caparbio, simpatico, Day è il personaggio che più mi ha stupito ed entusiasmato nell' intero libro. Non è un criminale come la Repubblica vuole far credere, ma un ragazzo estremamente sicuro di sè, altruista e coraggioso che nonostante tutto non ha mai abbandonato la propria famiglia, i propri fratelli e la propria madre. Ora più che mai, dopo il contagio del piccolo fratello minore Eden, Day è determinato a trovare un vaccino per il morbo. Purtroppo la morte di Metias Iparis e la conseguente ira vendicativa della sorella June, porteranno Day nel cuore del nemico, al centro delle perfide macchinazioni della Repubblica. Legend è un romanzo scritto decisamente bene. Con la suspense inserita nei punti giusti, con l' azione avvincente costantemente in moto, ma con la nota di "romanticismo" decisamente evitabile. Probabilmente l' unico difetto di un romanzo altrimenti impeccabile è proprio la parte romantica, che io avrei volentieri evitato, è che in qualche modo mi è risultata forzata e poco credibile. Perchè dico questo? Perchè secondo me, ad un romanzo praticamente perfetto, di questo amore nato subito e troppo presto ne avrei fatto volentieri a meno. Ma al di là di questo, per fortuna la parte romantica è relegata a pochissimi momenti, e a pochissime pagine, per cui il romanzo rimane comunque un apprezzatissimo lavoro. Legend si legge molto velocemente ed è una narrazione equamente divisa tra il punto di vista di June e quello di Day. 
Entrambi danno molto alla narrazione e nonostante la loro età sia incredibilmente giovane (quindici anni), hanno una maturità che facilmente ti porta a pensare a personaggi molto più adulti. Di questo bisogna senz' altro congratularsi con l' autrice, Marie Lu, una scrittrice che ha saputo donare ai suoi personaggi toni e sfaccettature avvolgenti ed irresistibili, scenari crudi ma intensi e una storia toccante, drammatica, avventurosa, frenetica e trascinante. Sono i personaggi, l' intenso timbro narrativo dell' autrice e la pericolosa dipendenza da queste pagine che ti trascinano nel vortice Legend e ti conquistano. Sin da subito, leggendo le prime pagine, ho capito che questo sarebbe stato un altro distopico con i fiocchi, un' altra storia inarrestabile e sconvolgente. 
Day e June, sapranno colpire dritti al centro. Marie Lu saprà incatenarvi con un mondo brutale, una società barbaramente spietata, densa di oscuri segreti e complotti inimmaginabili. Legend sarà un vero e proprio ammasso di sensazioni, e colpi di scena. Un' apprezzatissima lettura di un' affascinante trilogia di cui smanio letteralmente dalla voglia di leggerne il seguito.

5 commenti:

  1. Su questo libro ho letto pareri contrastanti e non so decidermi se prenderlo o no, però la tua recensione mi fa propendere più per il sì ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credimi è stupendooooo *-*.è diventato uno dei miei libri preferiti in assoluto *-*

      Elimina
    2. Ehhh si Violet, concordo con percabeth! Leggilo!

      Elimina
  2. Con una recensione così devo avere questo libro *_____*

    RispondiElimina
  3. Siii! Poi fammi sapere cosa ne pensi ^_^

    RispondiElimina