giovedì 12 settembre 2013

Recensione Un Piccolo Sogno di Susan Elizabeth Phillips

Titolo
Un Piccolo Sogno
Autrice
Susan Elizabeth Phillips
Valutazione
    
Editore
Leggereditore
Pagine
464
Prezzo
€ 12,00
Trama
Rachel Stone è appena arrivata a Salvation, una città che non ama e da cui è ricambiata con altrettanta cordiale ostilità. Ha la macchina in panne, il portafoglio vuoto e suo figlio di cinque anni che dorme sul sedile tra gli scatoloni del trasloco. Ma Rachel è una giovane vedova molto determinata, pronta a fare qualsiasi cosa pur di lasciarsi alle spalle un passato scandaloso. Qualsiasi cosa, tranne innamorarsi di nuovo. Eppure quando la sua vitalità invade i confini dello schivo Gabe Bonner, un uomo ostaggio dei suoi ricordi, la passione tra i due si accende contro ogni previsione, attirando le critiche dei soliti benpensanti. Benvenuti a Salvation, in Carolina del Nord, dove un uomo che ha smarrito la propria tenerezza incontra una donna con niente da perdere. Un luogo in cui i sogni potrebbero anche avverarsi.


Intenso, commovente, dolcemente travolgente come solo un romanzo di Susan Elizabeth Phillips può essere. Un Piccolo Sogno è tutto questo e molto altro.
Questa volta, a differenza dei romanzi precedenti (sempre appartenenti alla serie Chicago Stars), Un Piccolo Sogno non ricalca la solita impronta romantica/sportiva ma affronta un percorso delicato, fatto di disperazione, perdite, angosce e tormenti. Due persone sconosciute, completamente diverse l' una dall' altra, intraprenderanno una corsa sopra due binari paralleli di sofferenza e angoscia per poi congiungersi, infine, in un unico sentiero fatto di speranza, di passione e di rinascita. 
Gabe Bonner, del quale abbiamo intravisto qualcosa nel precedente E Se Fosse Lui Quello Giusto, sta attraversando un periodo drammatico della sua esistenza. Ha perso la moglie e il figlio in un incidente ed ora è toccato da una disperazione così bruciante da non riuscire a scorgere un futuro e una salvezza per la propria vita e la propria anima. Di lui non rimane altro che scontrosità, animosità, buio e sofferenza. Fino a quando non irrompe nella sua vita Rachel Stone, la donna più odiata dell' intera Salvation. Rachel, umiliata e defraudata da tutti i suoi averi è alla disperata ricerca di un lavoro per proteggere sè stessa e il suo piccolo Edward, uno scricciolo di cinque anni, dalla povertà in cui sono ora immersi. Gabe e Rachel, due anime che stanno affrontando la stessa disperazione, si uniranno contro tutto e tutti per cercare un briciolo di speranza e il desiderio di poter rinascere insieme. 
Un Piccolo Sogno è un viaggio affascinante e tremendamente sofferto che ci porterà alla scoperta di due esistenze, due persone alle quali la vita ha riservato più dolori che gioie, sino a questo momento. Ma si sa che il destino è incontrollabile. E si sa che la speranza è sempre l' ultima a morire. Affranto e ormai insensibile alla vita, Gabe sta per mollare tutto. Eppure c'è qualcosa che lo spinge ancora a rimanere ancorato a terra, alla sua famiglia, all' amore che le persone care nutrono per lui e che lui, carattere burbero a parte, riserva ancora ai membri della sua famiglia. Forse c'è ancora qualcosa per lui, è quel qualcosa un giorno ha un nome: Rachel. Rachel, con i suoi modi fastidiosi e irruenti, precipita a Salvation con il suo carico di miseria e disperazione, e riesce in quello che a molti non è riuscito fare. Penetrare nella corazza di Gabe e scuoterlo dalle tenebre. Quando ho iniziato il libro sembrava di avere di fronte la bella e la bestia. Avete presente? Lui, Mister Scontrosità, difficile da comprendere e animato solo da rabbia, ad un certo punto mi ha lasciato completamente senza fiato. Sono rimasta basita quando, toccando con occhi il suo dolore, mi sono ritrovata catapultata nel suo cuore ferito. Senza luce e senza uscita il suo cuore, il suo animo e la sua testa erano un pozzo nero. Ma poi con l' ingresso di Rachel, la bella, umile e testarda Rachel ho gioito e atteso che il cuore di questo personaggio maschile tanto complesso, tanto triste e tanto tenero tornasse a risplendere. La Phillips è brava, dannatamente brava a tessere una storia struggente, emotivamente carica di aspettative ed emozioni intense. Non la senti, ma il suo tocco è li e ti rapisce in un vortice di sensazioni così tremendamente vivide e acute da non poter fare a meno di ridere e piangere in modo stupido e incontrollato. 
La storia di Gabe e Rachel è sicuramente una delle più forti ed è una delle più sofferte. In questo caso, lasciamo da parte per un momento il mondo sportivo nel quale sono solitamente ambientati i suoi romanzi e ci concentriamo solo sulla famiglia Bonner, in particolare su Gabe, su Rachel e sul piccolo Edward. Ma anche su Kristy ed Ethan. Infatti, oltre a Gabe e Rachel, assisteremo alla storia parallela e molto coinvolgente di Ethan Bonner, il pastore più bello del pianeta e Kristy, la sua scialba segretaria, che inaspettatamente ha aggiunto un tocco di pepe in più ad un romanzo che appassiona, convince e arricchisce una serie davvero imperdibile. Chi di voi avrà seguito qualche mia recensione saprà che i tre romanzi della serie Chicago Stars hanno sempre avuto il massimo dei voti e che la Phillips è diventata oramai una garanzia per me, un marchio di qualità e perfezione. Saprà anche che l' amore, le scene passionali descritte dalla Phillips sono una gustosa prelibatezza. Brillanti e irresistibili.
Quindi alla fine non c'è molto altro che possa dirvi, se non darvi un piccolo consiglio. Leggeteli. Troverete ironia, troverete storie e personaggi in grado di farvi provare reale affetto e sintonia nei loro confronti. 
Un Piccolo Sogno è un romanzo travolgente, che stupisce e conquista per le emozioni, la profondità dei suoi personaggi e lo stile impeccabile e geniale dell' autrice.

5 commenti:

  1. Francy, 5 farfalle, punteggio massimo!! Secondo te può essere letto solo questo??
    La tua recensione mi ha davvero incuriosita!! :) Brava!

    RispondiElimina
  2. In teoria i romanzi sono tutti auto-conclusivi però questo in particolare ha dei personaggi che sono presenti anche nel precedente, quindi ti consiglierei di leggere prima quello..in realtà andrebbe letta tutta la serie perchè ne vale la pena ^_^

    RispondiElimina
  3. *__* lo voglio leggere assolutamente, iniziai tempo fa il secondo della serie però mi stavo annoiando e l'ho messo da parte per tempi migliori, il terzo pure è ancora da leggere >.> ma questo mi incuriosisce moltissimo!!!

    RispondiElimina
  4. Francy recensione perfetta come sempre. Mamma Phillips è una grande e questo sarà sicuramente il suo ennesimo capolavoro.

    RispondiElimina
  5. Bellissima recensione che condivido pienamente. I libri precedenti li ho trovati divertenti ironici ed emozionanti. In piu' questo mi ha commossa e non mi vergogno a scrivere che ho addirittura versato qualche lacrimuccia nel leggere le emozioni intense vissute dalla protagonista.
    Insomma adoro questa scrittrice e non vedo l'ora di leggere i prossimi libri ...

    RispondiElimina