venerdì 21 giugno 2013

Recensione Colpo di Fulmine di Jennifer Bosworth

Titolo
Colpo di Fulmine
Autrice
Jennifer Bosworth
Editore
Corbaccio
Pagine
342
Prezzo
€ 17,60
Trama
Mia Price è drogata di fulmini. È sopravvissuta a infinite scariche elettriche, ma la sua dipendenza dall’energia scaricata dai temporali mette in pericolo la sua vita e la vita di chi le sta intorno. Per questo si sente tranquilla a vivere a Los Angeles, perché è rarissimo che si scatenino temporali. Ma quando un terremoto devasta la città, il posto che lei credeva il più sicuro al mondo si trasforma letteralmente in un inferno. Le spiagge diventano gigantesche tendopoli e il centro è una terra perduta dove spadroneggiano bande di saccheggiatori e assassini. Due gruppi di fanatici si contendono il governo della città ed entrambi vedono in Mia una conferma alle loro concezioni apocalittiche, perché credono che Mia sia connessa alla tempesta elettrica che ha preceduto il terremoto e che si ripresenterà ancora più letale. Mia vorrebbe potersi fidare di Jeremy, affascinante ed enigmatico, che ha promesso di proteggerla e verso il quale si sente attratta da una forza e una passione irresistibili, ma dentro di sé teme di essere ingannata. E solo quando tutto sembra perduto e la catastrofe finale sta per abbattersi sulla città, Mia capirà come usare il suo potere per salvare le persone che ama. E capirà se Jeremy la ama davvero…
Valutazione  
Come dice la sinossi principale, Mia Price è una drogata di fulmini. Ebbene si, la particolarità racchiusa nel suo personaggio è proprio questa, l' attrazione alle tempeste, ai fulmini in particolare e la capacità di alimentarsi di energia attraverso questi. A causa di questa sua peculiarità, Mia vive isolata, abbandonata da tutti e costretta a fuggire a Los Angeles dopo una drammatica esperienza in cui la sua attrazione per i fulmini l' ha portata ad essere disprezzata e maledetta dai suoi stessi concittadini. 
Arrivata a Los Angeles, per Mia non è ancora giunta l' ora della tranquillità. Vittima di un disastroso terremoto la ragazza è obbligata a vivere con suo fratello Parker e una madre uscita del tutto di senno, in una città caotica e in costante pericolo di saccheggi e violenze. Infatti, dopo il tragico terremoto, Los Angeles è preda di vagabondi, senza tetto, gente che ha perso ogni cosa ed è costretta a vagabondare tra strade in rovina e tendopoli, guadagnandosi in ogni modo possibile, giusto o sbagliato che sia, il cibo per sopravvivere. Inoltre, la città è divisa in due fazioni. Una prettamente religiosa e fanatica, guidata dal Profeta. Mentre l' altra, meno numerosa ma altrettanto decisa, composta dai Cercatori e comandata dall' enigmatico professore di Mia, Kale. Entrambe le fazioni necessitano, desiderano, proveranno ad ogni costo ad avere Mia e il suo enorme potere per servirsene due giorni più tardi quando, come i Discepoli del Profeta annunciano, ci sarà la fine del mondo.
All' infuori da tutto ciò c'è Jeremy, il ragazzo che popola i suoi sogni. Un misterioso giovane che sembra volerla proteggere. Ma da cosa e perchè? E chi è veramente Jeremy?
Tutte queste domande avranno risposta. In un crescendo di attesa e di tensione, molti quesiti verranno risolti. 
Quello che, però, mi ha lasciato un po perplessa, devo dirvi la verità, è stata la totale mancanza di spiegazione sull' origine del potere di Mia. In effetti, l' autrice lascia molto a desiderare su questo argomento, cercando invece di riempire spazi e risolvere un altro tipo di mistero. Detto questo, devo senz' altro segnalare e sottolineare la scrittura appassionante, fluida e impeccabile che quest' autrice riesce ad imprimere ad ogni pagina. Il suo stile deciso e incisivo, dà quasi come l' impressione di essere dentro ad uno di quei film catastrofici. Più che per il terremoto in sè, solo citato e mai vissuto nelle 300 pagine dalla protagonista, le atmosfere ricordano quel tipo di film, con la gente disperata per le strade e un' inquietudine di fondo che pervade i personaggi e l' intera storia. L' elemento religioso è senza dubbio l' aspetto principale e fondamentale attorno al quale ruota la vita, il destino e il futuro di Mia. A Jennifer Bosworth va dato il merito di aver scritto una storia originale e diversa e l' aver creato dei personaggi malinconici ed unici per la loro caratterizzazione. Scordiamoci il bad boy di turno, scordiamoci l' ingenua ragazzina. Jeremy e Mia sono degli adulti nonostante la loro giovane età, provati e scossi dal loro passato, ma determinati nel cercare un significato al loro potere. La parte romance c'è, abbastanza superficiale e marginale, ma in fondo di questo non se ne sente nemmeno la mancanza.
Colpo di Fulmine è una lettura piacevole, con quelle atmosfere distopiche e la componente paranormal, è in grado di suscitare interesse e rendere godibile la storia. Tuttavia, mi è mancato qualcosa durante la lettura. Forse, come dicevo prima, una spiegazione che renda maggiormente comprensibile il personaggio di Mia, comunque qualcosa che dia una marcia in più a tutto il romanzo. Probabilmente l' autrice vorrà tenere in serbo queste spiegazioni nel prossimo libro. Infatti, dal finale possiamo facilmente notare come qualche spazio viene abilmente lasciato aperto per spiragli e sorprese future. Chissà che Mia non ci riservi altre tempeste di fulmini.

4 commenti:

  1. Aspettavo da qualcuno la recensione di colpo di fulmine! eccola finalmente *-*
    non so, mi aspettavo di più da questo libro.. son indecisa se prenderlo

    RispondiElimina
  2. Noooo ci contavo tantissimo su questo libro. Tre farfalline non mi bastano :-(...! Nemmeno a me piace quando non danno spiegazioni sui poteri dei protagonisti, cioè ti rovini tutto il romanzo...

    RispondiElimina
  3. proverò a leggerlo, ma devo mantenere le aspettative basse!!

    RispondiElimina
  4. Non lo so ragazze, a me è mancato qualcosa durante la lettura, quella spiegazione che non è arrivata mi ha destabilizzato un po..magari nei prossimi l' autrice ci svelerà qualcos' altro ^_^

    RispondiElimina