lunedì 11 marzo 2013

Recensione Il Sogno della Bella Addormentata di Luca Centi

Titolo
Il Sogno della Bella Addormentata
Autore
Luca Centi
Editore
Piemme
Pagine
252
Prezzo
€ 16,50
Trama
Un romanzo straordinario: dark, eppure eccezionalmente brillante, d’ispirazione steam punk. Nella londra di fine ottocento, talia si muove silenziosa come un gatto e scaltra come una volpe. È molto giovane e molto bella, il che è un indubbio vantaggio nell’esercizio della sua professione, la ladra. Talia però non ruba di tutto, si impossessa solo di quello che la porta più vicino alla soluzione del mistero che avvolge la sua vita. la scomparsa di suo padre. la risposta che troverà, però, fra nebbie e vapori, ingranaggi e corsetti, sarà una scoperta tanto sconvolgente quanto raccapricciante, nascosta gelosamente dentro una teca di cristallo.
Valutazione  
Ho iniziato a nutrire un particolare interesse, lo ammetto, per Il Sogno della Bella Addormentata grazie alla sua cover, semplice ma accattivante. Solitamente questo non è il fattore determinante che mi spinge alla scelta dei titoli da leggere, ma in questo caso è stato così. Il Sogno della Bella Addormentata in realtà, da come potrebbe dar spunto il titolo, non è un rifacimento alla Bella Addormentata ma più un omaggio dell' autore grazie ad alcuni particolari durante la narrazione che richiamano proprio a questa fiaba. Il romanzo narra la storia di Talia, una giovane orfana che vive nella Londra del 1800. Talia ha perso entrambi i genitori, ed è proprio come ultimo volere di suo padre poco prima di morire che Talia intraprende la ricerca dei Sette Peccati, sette manufatti creati da suo padre e dispersi in tutta Londra, in grado di rivoluzionare per sempre il mondo umano.
Di questi Sette Peccati Talia ne ha recuperati sei. La ricerca dell' ultimo, il settimo, la porterà nella Londra perbene, tra ingegni a vapore, sette segrete, complotti, ma soprattutto all' incontro e alleanza con l' affascinante Nicholas, un ragazzo simpatico e misterioso che in realtà nasconde più di quanto voglia far credere. Talia rischierà la sua vita e quella delle persone a lei care per riunire i Sette Peccati di suo padre, ma a quale scopo? Solo la magia di Londra e dei sorprendenti segreti porteranno alla insospettabile verità.
Il Sogno della Bella Addormentata è un libro molto piacevole, una lettura leggera che grazie allo stile scorrevole dell' autore e ai capitoli brevi di cui è composta si legge facilmente in una giornata. La storia è interessante sotto diversi punti di vista, alquanto originale per altri grazie agli elementi steampunk sparsi nel racconto e ad un accenno di romantico che ho particolarmente apprezzato seppur poco approfondito. Il libro è auto-conclusivo motivo in più per apprezzarlo, data la mia insofferenza per le numerose trilogie e i tempi di attesa tra la pubblicazione tra un volume e l' altro. Ogni tanto una ventata di romanzi singoli non può far che piacere. Devo dire che la storia è piuttosto breve, sia nel lasso di tempo interno alla narrazione sia per effetto delle poco meno di 250 pagine di cui è composto. La storia scorre velocemente, forse anche troppo per i miei gusti di lettrice anche se in questo modo il ritmo rimane costantemente alto in modo da non decocentrare in particolar modo l' attenzione del lettore. Talia è un personaggio molto carino, dotata di una forza e determinazione straordinaria. Così come il personaggio di Nicholas, seppur troppo semplice nella sua caratterizzazione. 
L' ambientazione è la Londra dell' ottocento completa delle sue carrozze, regine e dame pettegole. Grazie a questo libro viviamo uno scorcio di questa città in ogni sua sfaccettatura incantevole. Il Sogno della Bella Addormentata è una lettura veloce e piacevole, consigliata a chi preferisce le storie non troppo impegnative ed è dotata di pochi colpi di scena, ma il più importante e perchè no anche spiazzante viene regalato durante il finale sorprendente e dolce amaro. 

1 commento: