lunedì 7 gennaio 2013

Recensione L' Isola dell' Amore Proibito di Tracey Garvis Graves

Titolo
L' Isola dell' Amore Proibito
Autrice
Tracey Garvis Graves
Editore
Garzanti
Prezzo
€ 12,90
Trama
L’acqua cristallina lambisce dolcemente i suoi piedi nudi. Anna apre gli occhi all’improvviso e davanti le si apre la distesa sconfinata di un mare dalle mille sfumature, dal turchese allo smeraldo più intenso. Intorno, una spiaggia di un bianco accecante, ombreggiata da palme frondose. Le dita della ragazza stringono ancora spasmodicamente la mano di T.J., disteso accanto a lei, esausto dopo averla trascinata fino alla riva. Anna non ricorda niente di quello che è successo, solo il viaggio in aereo, la superficie blu che si avvicina troppo velocemente e gli occhi impauriti di T.J., il ragazzo di sedici anni a cui dovrebbe dare ripetizioni per tutta l’estate. Un lavoro inaspettato, ma chi rifiuterebbe una vacanza retribuita alle Maldive? E poi Anna, insegnante trentenne, è partita per un disperato bisogno di fuga da una relazione che non sembra andare da nessuna parte. Ma adesso la loro vita passata non è più importante. Anna e T.J. sono naufraghi e l’isola è deserta. La priorità è quella di sopravvivere fino ai soccorsi. I giorni diventano settimane, poi mesi e infine anni. L’isola sembra un paradiso, eppure è anche piena di pericoli. I due devono imparare a lottare insieme per la vita. Ma per Anna la sfida più grande è quella di vivere accanto a un ragazzo che sta diventando un uomo. Perché quella che all’inizio era solo un’innocente amicizia, attimo dopo attimo si trasforma in un’attrazione che li lega sempre più indissolubilmente. L’isola dell’amore proibito è un fenomeno editoriale senza precedenti.
Valutazione   1/2
Ho sempre un po di difficoltà quando si tratta di casi editoriali. E' successo con le cinquanta sfumature, e molti altri, ed ora ricapita con L' Isola dell' Amore Proibito, il romanzo di Tracey Garvis-Graves uscito nel 2012 in America e divenuto un immediato successo editoriale. La storia è quella di Anna e T.J., lei trentenne, lui sedicenne, improvvisamente naufraghi su un' isola deserta dopo il drammatico incidente dell' aereo su cui viaggiavano a causa del malore del pilota. Anna avrebbe dovuto trasferirsi alle Maldive per un' intera stagione estiva per dare ripetizioni al giovane T.J., dopo che il ragazzo, qualche mese prima, è stato costretto ad abbandonare la scuola a causa di una leucemia. Il viaggio in aereo si trasforma, però, nel peggiore degli incubi, e i due si ritrovano sperduti e completamente isolati su un' isola disabitata dell' Oceano Indiano. Trascorrono i giorni, poi i mesi ed infine gli anni. Anna e T.J. devono imparare ad arrangiarsi e combattere le insidie quotidiane che riserva loro l' isola. Malattie, carenza di cibo, sete, squali. I due ragazzi dovranno combattere contro l' angoscia, la noia e la disperazione. T.J. ha solo sedici anni e un cancro appena sconfitto. Anna non ha idea e progetti imminenti per il suol futuro, vuole solamente una famiglia che il suo fidanzato non è pronto a darle. T.J. e Anna, costretti a convivere per tre lunghi anni su quell' isola, scopriranno un' affinità speciale, impareranno a confidarsi e prendersi cura l' uno dell' altro. L' età diventerà un problema secondario quando tra i due inizierà a crescere l' attrazione e l' amore. Ma sull' isola, al di là dei problemi dovuti all' isolamento, è tutto più semplice. Le complicazioni sorgeranno quando i due, grazie allo tsunami del 26 Dicembre 2004, verranno salvati e riportati alla vita di Chicago. Il loro amore sarà così forte da resistere agli attacchi e agli ostacoli del mondo reale?

Onestamente parlando, sono costretta a fare una distinzione tra la prima e la seconda parte del romanzo. Se nella prima parte, quella dello sbarco e della convivenza sull' isola mi aveva entusiasmato e travolto, la seconda parte confrontata con la prima mi ha un po delusa. 
Effettivamente nella prima parte le emozioni non mancano mai. Nonostante si possa pensare ad una noiosa convivenza su un' isola completamente deserta, T.J. e Anna non mancano mai di stupire o appassionare il lettore con le loro storie e gli innumerevoli episodi che segnano il lento trascorrere del tempo. Molti episodi, drammatici e intensi, donano a questa prima parte un ritmo serrato e la voglia di leggerne sempre di più. L' attrazione, sviluppatasi in tre anni di lunga attesa, è tangibile e appassionante. Scopriamo come T.J., da ingenuo ragazzo sedicenne si trasforma in un vero e proprio uomo. Con le sue debolezze, certo. Ma con una fortissima voglia di vivere e di rivincita che caratterizza la sua figura in ogni pagina. 
Il ritorno a Chicago segna la seconda parte del romanzo. Una seconda parte, forse meno avvincente ma più reale. Entrambi affronteranno i problemi lasciati alle spalle tre anni prima, affronteranno nuove sofferenze ed affronteranno le conseguenze del loro amore. Per quanto non mi sia mai annoiata in questa parte, ho rivissuto con nostalgia le pagine trascorse sull' isola deserta, rimpiangendo quella parte in cui tutto ha avuto inizio. E' chiaro che il mondo reale ha tutto un altro sapore. Ma quelle pagine vissute sull' isola hanno un che di magico e romantico, difficile da dimenticare. 
Lo stile dell' autrice è piuttosto semplice, scorrevole, con un maggiore risalto ai dialoghi e meno alle descrizioni. L' autrice alterna molto brevemente i capitoli narrati sia dal punto di vista di T.J. che da quello di Anna. E racchiude in poche pagine, spesso troppo poche e superficialmente, il racconto di vita e di mesi dei due protagonisti. 
Come ho detto in precedenza, dovrei giudicare questo libro in due parti. La prima semplicemente irresistibile e la seconda meno avvincente della prima. L' Isola dell' Amore Proibito è una lettura estremamente piacevole e non troppo impegnativa, un romanzo che consiglio sicuramente a qualsiasi età, specialmente ai più giovani e alle lettrici romantiche.

3 commenti:

  1. bella recensione. è un libro che sto aspettando di ricevere e spero possa riservarmi delle ore piacevoli di lettura :)

    RispondiElimina
  2. Grazie Lucrezia ;) spero che ti possa piacere!

    RispondiElimina
  3. Oooohhhh...... che peccato.... :-((

    RispondiElimina