mercoledì 21 novembre 2012

Recensione Vittime del Peccato di Brenda Joyce

Titolo
Vittime del peccato. 
Un'indagine di Francesca Cahill
Autore
Brenda Joyce
Editore
Harlequin Mondadori
Prezzo
€ 9,90
Trama
Nei bassifondi di New York, tra segreti inconfessabili e passioni proibite, si cela un killer spietato. E solo lei può trovarlo.
New York, 1902. Francesca Cahill ai tè con le dame dell'alta società newyorkese preferisce combattere il crimine. Il suo talento di investigatrice privata la porta a indagare su alcune cruente aggressioni, avvenute nei bassifondi della metropoli a danno di giovani donne. Le prime due vittime sono sopravvissute, mentre per la terza si tratta di omicidio. Sembra proprio che per le strade di New York si aggiri un serial killer e Francesca non si darà per vinta finché non lo avrà fermato. Sembra che l'unica pista da seguire non porti a niente. Che cosa hanno in comune le vittime, oltre a essere giovani e irlandesi? Il tempo stringe, la paura ormai dilaga per le strade del quartiere. C'è un pazzo da catturare.
Valutazione   
Una serie di aggressioni, un misterioso assassino e una rete intricata di bollenti passioni. Questi sono gli elementi predominanti nel nuovo romanzo che Harlequin Mondadori ha deciso di proporci. Il romanzo di Brenda Joyce, Vittime del Peccato è il risultato di una miscela ben strutturata di suspance, romance e crime. Si inizia dal caso che la nostra protagonista, l' abile quanto caparbia e intelligente investigatrice Francesca Cahill, ha per le mani. Un oscuro assassino si aggira per i vicoli dell' America di inizio 1900 e le sue vittime predilette sono tutte donne di origini irlandesi. Un caso? Cos' hanno queste donne in comune? Francesca, con l' aiuto del suo ex amante Rick Bragg e soprattutto con la tenacia straordinaria che la contraddistingue, cercherà di far luce su questo ennesimo caso, districandosi inoltre tra le passioni avvolgenti che riguardano sia se stessa che le persone di sua conoscenza. La ricerca dell' assassino sarà l' elemento principale della narrazione, ma non esclusivamente quello predominante. All' interno del romanzo vedremo intrecciarsi perfettamente le piccole storie personali delle donne coinvolte nelle aggressioni e lo sbocciare o l' evolversi delle passioni, intrighi e tradimenti dei protagonisti stessi. 
Vittime del Peccato è stato un libro davvero piacevole e coinvolgente da leggere, nonostante ci si ritrovi più volte a dover fare i conti con delle dinamiche già ben avviate e al lettore alquanto sconosciute, in quanto questo romanzo risulta essere il settimo di una serie. Questo ha creato qualche difficoltà nel relazionarmi con alcune situazioni e col comprendere maggiormente determinati personaggi. Ad esempio con Rick Briggs ho fatto fatica ad entrare in sintonia perchè l' amore con Francesca, a noi del tutto sconosciuto, era già finito da diverso tempo e il lettore riesce a comprenderne ben poco, compreso il loro successivo distacco. Così come comprendiamo alquanto superficialmente il susseguirsi degli eventi che hanno portato all' innamoramento con l' affascinante Calder Hart. Un protagonista ombroso ma verso il quale ho immediatamente nutrito una speciale simpatia. Insomma è abbastanza incomprensibile la scelta di pubblicare una serie dal quarto volume, nonostante questi siano tutti autoconclusivi. 
Malgrado ciò, devo essere sincera, il romanzo è una lettura incantevole e la Joyce tende, seppur superficialmente, a spiegare gli eventi passati e qualche passaggio appartenente ai romanzi precedenti. Francesca è una protagonista di cui vorremmo semplicemente poter leggere sempre. Dolce, tenace e intelligente, è una donna che ama in modo spassionato il proprio lavoro e non si nega mai agli spiacevoli episodi a cui spesso è costretta ad assistere. Ma la parte di lei, meno nota, ma più importante e grazie alla quale riusciamo ad apprezzarla maggiormente, è l' insicurezza nei riguardi del proprio aspetto e all' amore con Calder, nonchè la fragilità del suo carattere in ambito amoroso. La passionalità e l' incertezza sono le sfaccettature che caratterizzano il personaggio di Francesca Cahill e che fanno di lei un personaggio estremamente accattivante.
Vittime del Peccato intreccia numerose storie d' amore e contiene al suo interno la sensualità che l' animo romantico di una lettrice come me và cercando. Senza dimenticare tuttavia il lato crime del romanzo, ben strutturato e per niente banale. La figura dell' enigmatico assassino sarà complessa e ardua da scovare.
Brenda Joyce, di cui ammetto di non aver mai letto niente, è un 'autrice di cui piacevolmente ne scopro la bravura così come sorprendentemente rimango deliziata da questa fascinosa serie. E' un romanzo che consiglio di leggere, in cui il crime risulta una componente importante e appassionante, ma il romance, anche piuttosto bollente tra i protagonisti, ne rende ancora più intrigante la lettura.
Spero vivamente che si scelga di continuare la pubblicazione delle avventure di Francesca Cahill con il consiglio di iniziare magari dai precedenti volumi.

1 commento:

  1. bella recensione, è un genere che potrebbe davvero piacermi!!

    RispondiElimina