venerdì 6 luglio 2012

Recensione Shades. Jack Lo Squartatore è Tornato di Maureen Johnson

TitoloShades. Jack Lo Squartatore è Tornato
AutoreMaureen Johnson
EditoreMondadori
Genere: Thriller, Paranormal Romance
SerieShades of London #1
Pagine396
Prezzo: € 16,00
Trama
Rory è appena arrivata a Londra dall'America per cominciare una nuova vita in una nuova scuola. Ma proprio il giorno del suo arrivo, un brutale omicidio sconvolge la città, tanto più spaventoso perché riconosciuto come l'imitazione del primo assassinio di Jack lo Squartatore, il serial killer che nel 1888 conquistò con la sua efferatezza le cronache di tutto il mondo. La polizia è senza indizi e senza testimoni, ma ancora per poco: proprio Rory ha notato un uomo misterioso sul luogo del secondo, feroce delitto. Ma come è possibile che la sua amica, che era a fianco a lei, non abbia visto nulla?
Valutazione   1/2

Aurora (Rory) Deveaux si è appena trasferita dalla calda Louisiana all' uggiosa e grigia capitale londinese per frequentare il college di Wexford. Neanche il tempo di ambientarsi nella sua nuova realtà inglese e a crearsi una valida rete di fresche amicizie, che Londra e il complesso studentesco è sconvolto dal primo di una serie di efferati omicidi che ricalcano quelli avvenuti nel 1888 dal famigerato Jack Lo Squartatore. Chi sta creando scompiglio tra la gente e l' ordine pubblico londinese? Nessun sospettato, nessuna telecamera che registri i delitti. Londra sembra avviluppata in una sinistra nebbia grigia che lentamente avvolgerà nel panico i suoi abitanti. Ogni omicidio, crudelmente somigliante a quelli portati a termine da Jack Lo Squartatore, creano un' ondata di esaltazione mediatica a cui difficilmente si riesce a resistere. Così Rory seguirà per filo e per segno, con Jazza la sua compagna di stanza e Jerome, il suo compagno di pomiciate, i passaggi del nuovo scellerato assassino tra le buie e deserte strade di Londra. Non si accorgerà nemmeno di essere stata, una sera, a stretto contatto con l' assassino. Solo successivamente, quando si renderà finalmente conto di avere la capacità di vedere persone invisibili ai suoi amici, che Rory entrerà definitivamente a far parte del mondo del soprannaturale. 
Insieme a lei una vera e propria squadra addestrata a combattere i fantasmi e riportare il controllo sugli ignari abitanti inglesi. Stephen, Callum e Boo la sua chiacchierona e vivace, nuova compagna di stanza, aiuteranno Rory ad assimilare la singolare attitudine del vedere i morti e nell' impresa di catturare il brutale criminale. Shades. Jack Lo Squartatore è Tornato è il primo di una serie rivolta principalmente ad un pubblico giovane dedicata al soprannaturale e con al centro le bizzarre avventure dell' adolescente Rory Deveaux. Il romanzo, narrato essenzialmente in prima persona dalla nostra giovane protagonista, ci porta nelle inquietanti atmosfere londinesi, tra le tortuose scene del crimine divenute protagoniste dopo la ricomparsa del noto Jack The Ripper, lo Squartatore, colui che sconvolse gli animi della londra di fine secolo. 
Grazie a Maureen Johnson, torna così alla ribalta uno dei più noti e misteriosi assassini esititi sulla Terra. Ma non sarà lo stesso Jack del 1888, bensì qualcun' altro esattamente folle e squilibrato come il primo, che come arma aggiuntiva ha la sorprendente qualità di non essere visto. Un fantasma tornato da un passato lontano? O un fantasma con un desiderio di vendetta e rivincita su coloro che hanno devastato la sua vita di essere umano? E soprattutto come si può uccidere un fantasma? Rory, accompagnata dalla sua speciale squadra di "acchiappa fantasmi", si ritroverà inconsapelvomente vittima del nuovo fantasma assassino. E cercherà, tra una chiacchierata con qualche fantasma, tra una pomiciata in biblioteca e tra fughe rocambolesche dal college, a familiarizzare con il suo "talento" e trovare un modo per contrastare il fantasma che la perseguita. Maureen Johnson ha infuso al suo romanzo scene tetre e angoscianti, dando un tocco di intensità in molte parti del libro. Partito piuttosto lentamente, nella metà del libro si comincia a capire qualcosa sull' effettiva e sostanziale presenza di Rory e sul mondo paranormale. Gli altri personaggi sono caratterizzati abbastanza bene e la trama non risulta mai confusa ma piuttosto interessante. Un piccolo appunto per Jerome, secondo me, buttato nella narrazione troppo forzatamente, giusto per creare con la protagonista un risvolto romantico che invece si poteva tranquillamente evitare. La lettura scorre in modo naturale e scorrevole. 400 pagine sembrano lunghe, invece si leggono piacevolmente e senza intoppi di nessun genere.
Un horror terrificante direi di no. Un horror-thriller piacevole direi assolutamente di si. Merito va dato all' autrice per la determinante dose di mistero presente nel romanzo e instillata nel lettore per gran parte del libro. Come la nostra protagonista Rory, per quasi metà libro non sono riuscita a comprendere granchè sull' assassino e sulle dinamiche che poi hanno preso piede creando risvolti singolari. Probabilmente mi aspettavo forse un qualcosina di più anche se la lettura mi ha accompagnato piacevolmente per un paio di giorni. D' accordo con la maestosa Cassandra Clare sulle pregevoli qualità della Johnson di generare atmosfere sinistre e fortemente suggestive. E' consigliato a chi ama le storie di mistery e horror non troppo impegnative, con un pizzico di thriller e una piccola parte di romanticismo.

5 commenti:

  1. Ciao. Sai chi l'ha tradotto? Perché le atmosfere suggestive e la lettura piacevole immagino si intendano riferiti alla versione italiana, no?

    RispondiElimina
  2. Non ho letto la versione originale ma non penso sia diversa la traduzione..tu hai letto l' originale? La trovi diversa?

    RispondiElimina
  3. Uffa... tu mi dai un 3 1/2, altri un 2... Sai che faccio?! Mi fido di te e lo compro!

    PS: Hai letto il Segreto del Grace College? E' più o meno simile? (per simile intendo il "grado" di thriller e paranormal nella storia)

    RispondiElimina
  4. Ciao Markus!
    Il Segreto del Grace College l' ho letto più di un anno fa e ti posso dire che sinceramente l'ho preferito un po di più a Shades. Mi ha dato l' idea di un romanzo meno Young rispetto a questo della Johnson. E' un buona lettura anche questa, però forse in alcune parti è preso troppo alla leggera, sia il thriller che il paranormal, non so se sono riuscita a spiegarmi. Come detto nella recensione mi aspettavo un qualcosa di più ma comunque e tutto sommato è una buona lettura:)

    RispondiElimina
  5. Bene, hai reso l'idea!
    Comunque credo lo leggerò ;D

    RispondiElimina