venerdì 20 luglio 2012

Recensione Biancaneve e il Cacciatore di Lily Blake

Titolo
Biancaneve e il Cacciatore
Autore
Lily Blake, Evan DaughertyJohn Lee HancockHossein Amini
Editore
Mondadori
Pagine
240
Prezzo
€ 16,00
Trama
Re Magnus è in guerra contro un terribile nemico. Ma armi e battaglie non lo distraggono dal doloroso ricordo della moglie perduta. Di lei gli rimane solo la piccola Biancaneve. Fino al giorno in cui, nella Foresta Tenebrosa, il re incontra una donna bellissima, capace di farlo innamorare di nuovo: la malvagia Ravenna. È la regina del Male, che con le sue arti di magia nera, assorbe dal cuore delle fanciulle l’eterna giovinezza, uccidendole. La prossima vittima è Biancaneve. Ma sotto il candore della pelle e l’ingenuità dello sguardo, la ragazza cela un animo guerriero. Ed Eric, il cacciatore destinato a sopprimerla, si troverà di fronte una donna coraggiosa, affascinante, e decisa a combattere, nonché una banda di nani ribelli che darebbero la vita per lei. La perfida Ravenna ha i giorni contati.
Valutazione:    1/2
Biancaneve ha solo sette anni e vive sola con il padre, il potente Re Magnus, dopo aver assistito prematuramente alla morte dell' amata madre. Durante uno scontro nella Foresta Tenebrosa, il re incontra e salva una donna prigioniera, bellissima, con occhi azzurri come il cielo e capelli lunghi e dorati, e se innamora all' istante, perdutamente.Ravenna. Questo è il nome della donna. Il re, abbagliato da tanta bellezza, decide di sposarla. Il giorno delle nozze, l' intero regno è in festa e per Biancaneve è un giorno speciale. Finalmente potrà avere al suo fianco una madre che il destino le ha brutalmente portato via. Celebrato il matrimonio, durante la notte di nozze, Ravenna uccide con un pugnale nel cuore il suo neo marito, diventando così la regina incontrastata del reame. Aiutata dal suo fedele fratello Finn, accecata da una rabbia sovrumana per i torti e le violenze subite da giovane, Ravenna uccide o imprigiona tutti gli abitanti del regno, portando ombra e distruzione, paura e povertà nei villaggi in cui regna sovrana. Immortale e dotata di magia nera, Ravenna ruba la giovinezza e la bellezza alle fanciulle del suo regno, divenendo ogni giorno, sempre di più la più bella del reame. Eppure c'è qualcuno che, col passare degli anni, sta diventando ancora più bella di lei. Si tratta di Biancaneve, rinchiusa nelle segrete del castello da dieci, lunghi anni. 
Ora, a diciassette anni, a Biancaneve si presenta l' occasione di fuggire e cercare aiuto nel duca Hammond e nel compagno di giochi da bambina, il principe William. Scappata dalle prigioni, Biancaneve si rifugia nella Foresta Tenebrosa, con alle calcagna un cacciatore caduto in miseria e depressione, Finn, e il suo esercito. Eric, il cacciatore, ha il compito di uccidere la bella Biancaneve. Ma qualcosa in lei, e la sua compassione per la ragazza, faranno desistere l' uomo dai comandi ricevuti da Ravenna ed aiuterà la giovane a mettersi in salvo. Biancaneve ed Eric dovranno affrontare parecchie insidie, creature nascoste nella Foresta Tenebrosa e l' ira della Regina Ravenna. A sostenerli giungeranno inaspettati alleati. Riuscirà Biancaneve a sconfiggere la perfida Ravenna?

Biancaneve e il Cacciatore è la versione prettamente dark della celebre favola, Biancaneve e i Sette Nani, a cui siamo tutti affezionati. Come si può denotare dal titolo del libro, Biancaneve e il Cacciatore vede come protagonisti in particolare due figure. Quella di Biancaneve (e come potrebbe non esserlo) e il Cacciatore. 
Eric, è caduto in disgrazia dopo la morte della giovane moglie Sara. Depresso e privo della consueta voglia di vivere, Eric passa le sue giornate bevendo grog e affogando nella sua autocommiserazione. Senza scelta, accetterà l' incarico datogli dalla regina Ravenna, salvo poi cambiare idea ed aiutare la bellissima Biancaneve a fuggire da Finn. In realtà anche Ravenna ricopre un ruolo fondamentale nella narrazione. In questa rivisitazione, possiamo approfondire aspetti che solitamente non abbiamo mai compreso della regina cattiva. Aspetti che hanno poi portato Ravenna ad essere quella che noi tutti conosciamo. Perfida, senza cuore ed ossessionata dalla ricerca della bellezza eterna.
Questo è un Biancaneve insolito, diverso. Molti aspetti come la regina cattiva, la mela avvelenata e i nani restano anche se rivisti in chiave differente. In verità la figura più importante, alla quale viene dato maggior risalto e costruita diversamente dalla solita caratterizzazione, è il Cacciatore. A lui viene dato molto più spazio e peso, andando a capovolgere completamente le dinamiche ad una favola a cui siamo sempre stati abituati a leggere. E' una Biancaneve in chiave dark fantasy, guerriera quando serve, combattiva, tenace. Per l' amore c'è poco spazio. Viene invece dato grande risalto per la guerra imminente contro Ravenna, per le innumerevoli entità soprannaturali, fatine, ombre, troll che popolano magicamente il regno. Sarà una lettura piuttosto breve in cui accade tutto un po troppo velocemente. Sarà un' immersione rapida in un mondo ammantato di creature misteriose, magiche. Rimane una buona rivisitazione della classica fiaba, una lettura piacevole, con uno stile scorrevole, che impegnerà poco tempo e che ci porterà con atmosfere tetre e tenebrose nel mondo della giovane principessa, notevolmente cresciuta, emancipata e divenuta instancabile guerriera rispetto alla Biancaneve di un tempo.

1 commento:

  1. Ho da poco visto il film e il libro mi incuriosisce! Nella speranza che approfondisca qualche aspetto che nel film emergeva meno (come per l'appunto la caratterizzazione del Cacciatore), penso che lo leggerò! ^^

    RispondiElimina