martedì 5 giugno 2012

Recensione Ladra di Sangue di Cherie Priest

Titolo
Ladra di Sangue
Autore
Cherie Priest
Editore
Tre60
Pagine
352
Prezzo
€ 9,90
Trama
A Raylene Pendle non piace essere una vampira e, soprattutto, non vuole avere niente a che fare con i suoi simili. Ecco perché i suoi clienti sono esclusivamente esseri umani, sebbene si tratti sempre di personaggi poco limpidi. Raylene, infatti, è una ladra professionista: su commissione, ruba opere d'arte d'inestimabile valore e rarissimi gioielli antichi. Il giorno in cui viene contatta da lan Scott, un vampiro, Rayle ne è quindi molto diffidente. E i suoi dubbi si moltiplicano quando lan le racconta di essere stato la cavia di un progetto segreto finanziato dal governo per scoprire l.origine dei poteri dei vampiri e sfruttarli in ambito militare. Purtroppo gli esperimenti cui è stato sottoposto lo hanno reso cieco e ora, grazie all'aiuto di Raylene, lui si vuole vendicare, recuperando alcuni documenti che proverebbero i crimini commessi dal responsabile del progetto, il maggiore Brumer. Non appena accetta l'incarico, però, la vampira entra nel mirino di spietati agenti speciali, disposti a tutto pur di fermarla. E anche il dottor Keene, il medico che ha preso in cura lan dopo la fuga dal laboratorio dell'esercito, sembra nascondere troppi segreti: capire di chi si può fidare non è semplice, ma per Raylene potrebbe rivelarsi l'unico modo per restare in vita...
Raylene Pendle è una ladra professionista, conosciuta nel suo lavoro con il nome di Stregatto. Questa potrebbe essere una vera e propria stranezza. Ma con Raylene vi assicuro che le stramberie non sono finite. Non posso sicuramente evitare di dirvi che non è una ladra comune. Lei è un' esperta del mestiere e perdipiù è una non morta. Una vampira centenaria con qualche ansia e paranoia di troppo. L' aggettivo più concreto e calzante per la nostra Raylene è appunto PARANOICA. Ansiosa e con qualche, non troppo sporadico, attacco di panico, il nostro Stregatto e perdipiù circondata da personaggi alquanto singolari. Basterebbe dirvi che il suo entourage è composto dal Cappellaio Matto, dalla Regina di Cuori e dal Bianconiglio. Ma veniamo alla trama del romanzo. Raylene, come precedentemente raccontato, è una ladra professionista, è come tale le è stato affidato un incarico da un vampiro, Ian Stott. La donna solitamente è restia a condividere qualcosa con gli altri non morti, difatti tende a condurre una vita solitaria senza aver bisogno di una Casata a cui appartenere. Però il caso di Ian, cieco e fuggitivo, dopo sperimentazioni effetuate dal governo americano su di sè e su altre creature della notte come lui, attrae sin dal principio l' attenzione e la curiosità della donna. 
Con il compito di recuperare documenti top secret che riguardano queste misteriosi quanto crudeli sperimentazioni, Raylene inizia il suo viaggio alla scoperta della verità e di un modo per aiutare Ian a recuperare la vista. Ben presto però, la ladra si accorge di avere alle calcagna i federali, ma soprattutto di avere tra le mani un caso scottante, sconvolgente e che riguarda e coinvolge in prima persona la sua natura di soprannaturale. Con un vampiro cieco, un ghoul e una drag queen-ex militare, Raylene attraversa mezza America per scovare elementi utili al suo caso, sfuggire ai federali che la inseguono e far luce sui segreti governativi in cui è coinvolta.

Ladra di Sangue è il primo volume della serie urban fantasy The Ceshire Red Reports, finora composta da due romanzi ed adatta prevalentemente ad un pubblico adulto. Ladra di Sangue ha come protagonista un' eroina particolare, che mi ha da subito colpito ed entusiasmato. Raylene non è il solito personaggio stereotipato, o il comune protagonista vampiro a cui siamo abituati a leggere. E' singolare. Scordatevi l' eroina compassionevole, tutta cuore e cervello. Di intelligenza ne ha molta, ma la nostra amica Raylene non ha niente a che vedere con il vampiro buono e caritatevole. Lei è una perfetta macchina da guerra, cinica e spietata, a cui non interessa mietere qualche vittima o preoccuparsi relativamente troppo per il prossimo. Ha molti difetti, talvolta divertenti, talvolta folli. Ma il bello di questo personaggio è proprio questo. Inoltre il romanzo è narrato in prima persona da Raylene, e grazie a questo riusciamo a percepire a 360° le numerose sfaccettature caratteriali della vampira. Per di più colpisce l' ironia con la quale Raylene racconta la sua avventura. Parlando degli altri personaggi, il più surreale senza dubbio è la drag queen Sister Rose. Surreale per il semplice fatto che ci si potrebbe aspettare qualsiasi cosa da lei tranne un ex militare dell' esercito con un fisico mozzafiato, coraggioso e ironicamente pungente. 
Un personaggio, il suo, sicuramente originale e molto interessante. Ladra di Sangue è un urban fantasy concentrato essenzialmente sull' indagine nei riguardi di questa misteriosa organizzazione governativa forgiata con l' intento di procedere ad esperimenti cruenti su essere soprannaturali. 
E sulla caccia di Raylene e Company, attraversando mezza America, nei confronti di tutti gli individui coinvolti nella sperimentazione. Il romanzo è una mix ben strutturato di azione, momenti ad alta tensione e adrenalinici e qualche consueto colpo di scena (non troppo imprevedibile). La parte romance non c'è, o meglio, è una minuziosissima parte, poco approfondita e poco influente. Ma la cosa non mi è dispiaciuta poi così tanto. Diciamo che il romanzo andrebbe letto esclusivamente per la caratterizzazione di Riley. Ian Stott al quale spetta il ruolo di co-protagonista della serie, è surclassato secondo il mio parere, dalla potenza e dalle peculiarità eccentriche e geniali di Adrian, la drag queen. A Ian spetta la parte del vampiro cieco, approssimativamente esaminato e relegato in secondo piano. 
     1/2  La trama probabilmente non è così straordinaria, ma il libro merita per la grande capacità dell' autrice di aver creato personaggi talmente singolari e bizzarri da conquistare il lettore e aver dato vita ad un romanzo piacevole e ricco di momenti esilaranti ed ad alta tensione.

0 commenti:

Posta un commento