giovedì 3 maggio 2012

Recensione Il Dono delle Furie di Elizabeth Miles

Titolo
Il Dono delle Furie
Autore
Elizabeth Miles
Editore
Nord
Pagine
378
Prezzo
€ 16,50
Trama
Tre ragazze bellissime, tre ragazze dal sorriso indecifrabile e dallo sguardo ipnotico cui è impossibile resistere: in un piccolo paese come Ascension, non sorprende che la notizia del loro arrivo sia sulla bocca di tutti. Soprattutto per il mistero che le circonda: nessuno le ha mai viste prima, nessuno sa dove vivano. E nessuno immagina che quelle tre splendide fanciulle, invece, conoscono i segreti di ogni abitante della città. Come il vero volto di Chase Singer, l’astro nascente della squadra di football: dietro la maschera da bravo ragazzo, infatti, si nasconde una persona che, per raggiungere il successo, non ha esitato a calpestare i sentimenti della ragazza che amava, distruggendole l’esistenza. Come la relazione che, da qualche tempo, Emily ha col fidanzato della sua migliore amica, una relazione che nessuno avrebbe mai dovuto scoprire. Ecco perché Chase riceve in regalo un’orchidea rossa ed Emily ne trova una identica sul sedile dell’auto. È un avvertimento. È il dono che segna il destino di chi deve pagare per le proprie colpe. È il dono delle Furie…
E' un giorno di freddo inverno ad Ascension, piccola cittadina del Maine, quando Sasha Bowlder si getta da un ponte in un tentativo di suicidio. Questo episodio è il preludio di una serie di avvenimenti tragici e misteriosi, accompagnati dall' arrivo in città di tre splendide fanciulle, che sconvolgeranno gli abitanti della piccola e tranquilla comunità americana. In particolare, la vita di due ragazzi, Emily e Chase sta per essere stravolta per sempre. La prima, segretamente, sta conducendo una relazione con il fidanzato della sua migliore amica, partita per le feste di Natale in Europa. Il secondo vive una realtà fittizia, celata da continue mezogne e vili segreti, ostentando ricchezza e popolarità, celando alla gente intorno a sè la condizione di povertà e miseria con cui lotta ed è costretto a vivere sin dalla nascita. Un' esistenza, la sua, costituita da bugie, ricatti e sotterfugi. Tutto per essere accettato ed ammesso nella cerchia dei più quotati e popolari ragazzi della scuola. Chase, sin da bambino, ha sempre provato vergogna per il suo squallido stile di vita e per le sue umili orgini. Figlio di un padre ubriacone e violento, Chase ha passato la sua vita in una baracca, contornato da disordine e sporcizia, costretto ad indossare abiti logori e sgualciti. Ha dovuto lavorare parecchio per costruirsi, a suon di menzogne, illusioni e tradimenti, la sua crescente popolarità. Ora però, tutto ad un tratto, le sue bugie stanno per essere svelate. Qualcuno sta cercando di smascherare e umiliare il ragazzo. 
Ora, Chase ha la sensazione di tornare al passato, al ragazzo deriso e solitario di un tempo. L' incontro con una delle tre bellissime ragazze, condurrà Chase alla resa dei conti. 
Un' orchidea rossa per Chase e una per Emily saranno la prova del passaggio inarrestabile delle furie, giunte ad Ascension per regolare i conti e vendicare quanto di ingiusto e sbagliato hanno commesso i due giovani. In modo crudele ed efferato, le tre Furie compariranno dal nulla, per punire e perseguitare i due ragazzi servendosi di allucinazioni, fantasmi e nutrendosi delle loro più intime ed angosciose paure.

Avete mai sentito parlare del Karma? Le azioni, giuste o sbagliate che siano, provocano una volta compiute, una reazione. 
Bene. Tutto ciò si può riassumere nella figura mitologica romana delle Furie o a quella greca delle Erinni. In sostanza sono la stessa cosa. Tre bellissime donne, tre divinità immuni dal rimorso e dalla pietà, che perseguitano chi fa del male ed è colpevole di azioni dannose per gli altri, decidendo infine per loro la punizione più adeguata.
Elizabeth Miles, in questo romanzo le descrive, crudeli e insensibili al perdono e alla pietà umana. Come entità, compaiono e scompaiono a loro piacimento, disseminando paura e sconcerto, turbamento e angoscia, nelle vittime prescelte. In questo caso e in questo primo volume della trilogia, le vittime selezionate sono due giovani ragazzi, Emily e Chase, segnati da errori e decisioni sbagliate, per cui colpevoli e presi di mira dalle Furie. 
Si può discutere realmente poco sui caratteri delle tre Furie, Ali, Meg e Ty, perchè approfondite troppo genericamente in quanto l' intero romanzo è dedicato esclusivamente alla caratterizzazione dei due protagonisti principali, Chase ed Emily, dedicando a loro e al loro punto di vista la narrazione del libro. Il personaggio a cui riusciamo ad avvicinarci meglio nella globale narrazione è quello di Ty, la ragazza di cui si infatua il giovane Chase. Ma emozioni, se ne prova, e quant'altro, sono impossibili da comprendere e raggiungere. Ciò che più mi ha lasciato spiazzata nella figura delle furie è la loro pura e intensa cattiveria e insensibilità. Chase ed Em non si macchiano di crimini imperdonabili, al contrario commettono errori abbastanza comuni per l' età che hanno. Eppure non guardano in faccia a nessuno ed in modo piuttosto crudo ed efferato puniscono chi commette determinate azioni.
Ho apprezzato molto il personaggio di Emily, con le sue debolezze e angosce, ma in realtà il carattere più intenso e meglio descritto è quello di Chase. 
Con una personalità decisamente complessa, Chase riesce a comprendere e vergognarsi dei propri errori, ma commettendoli dopo aver subito sulla propria pelle una cocente delusione e sofferenze da bambino. Ammettendo la mia totale ignoranza sul tema furie e non avendo letto praticamente nulla a riguardo, sono riuscita ugualmente ad immergermi nel mondo costruito dalla Miles e apprezzando la storia da lei ideata. Il suo stile è diretto, scorrevole e chiaro, e Il Dono delle Furie è stato un libro decisamente interessante. Inoltre ho piacevolmente riscontrato colpi di scena inaspettati che hanno donato un tocco di imprevedibilità al romanzo. 
Sono molto curiosa di leggere il secondo capitolo di questa pianificata trilogia e scoprire quali saranno i personaggi protagonisti e quali torneranno a farci visita, dato che nel finale di questo romanzo molte delle questioni rimangono misteriosamente in sospeso. 
   1/2 In conclusione posso affermare che Il Dono delle Furie è stata una lettura interessante, seducente e molto coinvolgente. E' un YA che si constraddistingue oltretutto per la vena dark ed enigmatica, grazie alle atmosfere surreali e da brivido e per alcuni momenti inquietanti che hanno contribuito a rendere il romanzo più che piacevole. 

1 commento:

  1. Tra le ultime uscite è tra i libri con la trama che più mi sembrano migliori

    RispondiElimina