venerdì 23 marzo 2012

Recensione Cinder. Cronache Lunari di Marissa Meyer

Titolo
Cinder. Cronache Lunari
Autore
Marissa Meyer
Editore
Mondadori
Pagine
250 
Prezzo
€ 17,00
Trama
In un futuro lontano la Terra è divisa in sei grandi regni. Cinder è una ragazza metà umana e metà cyborg. Non ha ricordi della sua infanzia mentre il suo futuro sembra scritto: il lavoro da meccanico al mercato, una matrigna e delle sorellastre da sopportare, qualsiasi sogno da soffocare. Eppure quando per caso incontra il principe Kaito, erede al trono del regno, qualcosa in lei si accende. Ma può una cyborg sognare una vita normale? Intanto il mondo è invaso da un'epidemia e l'unica ad avere l'antidoto è la splendida ma malefica Regina di Luna: con il suo sguardo magico e letale riesce a controllare le menti. Ma il prezzo da pagare per la salvezza del mondo è troppo alto.
Ambientato in un epoca super tecnologica e fantascientifica, il mondo di Cinder è popolato ormai da umani, cyborg e androidi. Insidiato dalla minaccia del popolo Lunare comandato dalla perfida figura della Regina Levana e quasi totalmente devastato dalla letumosi, più comunemente chiamata peste, che miete infinite vittime al giorno, l' unica speranza rimasta al popolo è quella di trovare al più presto un antidoto a questa implacabile epidemia. Numerosi cyborg vengono impiegati come cavie per trovare una cura efficace contro questa malattia. Molti volontari, molti costretti. Tutto questo però ancora non ha portato a nessun passo in avanti, la gente continua a essere messa in quarantena e a morire inesorabilmente.
Cinder è una cyborg, vive nella futuristica ambientazione orientale della vecchia Pechino con la matrigna e le due sorellastre (una buona mentre l'altra decisamente cattiva). Possiede una piccola e dismessa postazione al mercato popolare e li esercita la sua professione di meccanico, tanto da essere considerata la migliore in tutto il paese. E grazie alla sua reputazione che un giorno Cinder si ritrova davanti niente di meno che Kai, il principe di Nuova Pechino, il figlio dell' imperatore giunto in incognito al mercato per riparare il suo androide. In questo scenario atipico, Cinder e il principe faranno conoscenza e saranno destinati, in seguito, ad incontrarsi più volte.
Ma quando l' epidemia di peste toccherà anche a chi è più caro alla cyborg, Cinder sarà costretta a prendere decisioni difficili e in completa solitudine, tranne per la sua fidata androide Iko, tenterà di salvare sè stessa e contrastare le insidie che minacciano la sua vita e la sua anima.
Nel frattempo, anche l' Impero di Kai, sarà in grave pericolo. I Lunari sono pronti ad approfittare di ogni singolo passo falso del principe, e solo con l' aiuto di Cinder, il popolo di Nuova Pechino potrà tornare a sperare. Tra i due sboccierà una tenera e impossibile storia d' amore. Impossibile perchè nel passato di Cinder si nascondono dei segreti, primo fra tutti la sua natura di cyborg finora tenuta segreta al principe. Quali segreti si celano, inoltre, nell' infanzia dimenticata dalla cyborg? Come si snoderà il futuro dei protagonisti?

Cinder. Cronache Lunari è una chiara e particolare rivisitazione dell' illustre favola di Cenerentola rielaborata in chiave fantascientifica e futuristica. Come la Cenerentola del mondo delle fiabe, anche Cinder è una povera fanciulla maltrattata dalla matrigna. Anche Cinder anela al meraviglioso ballo che di li a poco si terrà nel palazzo dell' Imperatore e così come Cenerentola è contrastata dalla matrigna cattiva e costretta ad un lavoro umile e faticoso. Al posto della fata madrina, Cinder avrà accanto a sè l' aiuto e la compagnia insostituibile della divertentissima androide Iko, pazza d' amore del bel principe e instancabile sostegno della cyborg. 
Alla povera Cinder ne capitano di tutti i colori, compreso l' essere rinchiusa in clinica come cavia da sperimentazione. Volontaria? Assolutamente no. Episodio questo, dovuto all' ennesimo gesto "altruistico" della matrigna Adri.
In clinica Cinder comprenderà alcuni aspetti di sè stessa finora sconosciuti, farà la conoscenza dello strano ma simpatico dottor Erland, nonchè approfondirà la conoscenza con l' incantevole principe Kai, oramai schiacciato dal peso delle mille responsabilità che pesano sulle sue esili spalle di fresco imperatore.
Solitamente dò un punteggio positivo in più quando sono dinnanzi ad un' ambientazione originale e studiata egregiamente. E questo il caso di Cinder Cronache Lunari e della sua autrice Marissa Meyer. Apprezzato e diverso, non a caso Cinder è stata un' autentica rivelazione in patria e un successo proclamato prima della sua uscita nei restanti paesi di prossima pubblicazione.
A parer mio, Cinder meriterebbe di essere letto solo per lo scenario fantascientifico nel quale è immerso. Il fatto che poi sia una rivisitazione di una favola che nel tempo ha subito le più svariate e disparate riebolazioni, poteva creare qualche interrogativo. Interrogativi che nel mio caso, sono stati letteralmente spazzati via da una rivisitazione talmente originale e curata, da evitare di essere fatta finire nel cestino dei romanzi banali e scontati.
Ho ampiamente amato Cinder, la nostra cara protagonista cyborg, con la sua graffiante ironia e la problematica vita familiare. Sin dall' incontro con il principe Kay, Cinder mi ha affascinato con la sua umiltà e intenerito per la sua condizione ritenuta altamente inferiore rispetto ad un qualsiasi essere umano. In fondo lei è solo una cyborg. Quale può essere la sua colpa? Un cyborg per spiegarci è un essere umano al quale sono stati dovuti impiantare della parti meccaniche. Il problema è che nel futuro creato dalla Meyer, esseri come Cinder, sono ritenuti rifiuti e relegati come cavie o servi.
Da non sottovalutare la parte nemica di Cinder e del popolo di Nuova Pechino, nonchè dell' intero genere umano. I Lunari. I Lunari sono una popolazione bellicosa, proveniente dalla Luna. Dalla loro hanno la magia e un' incredibile dono di persuasione. Chi si interporrà alla graziosa Cinder sarà niente di meno che la Regina dei Lunari, Levana, giunta sulla Terra desiderosa di raggiungere un' alleanza con il regno di Kay. Questa alleanza si può considerare stipulata solo con il matrimonio con il bel principe.
Finiamo col parlare della copertina. Molti hanno preferito più quella americana con la rappresentazione della scarpetta rossa nei piedi di una cyborg. Io personalmente preferisco più quella italiana, anche se quella che dovrebbe essere Cinder, per me assomiglia un po troppo a Belen Rodriguez..che dite ho le allucinazioni? 

          Ci sarebbero molte cose da dire, ma per la maggior parte lascio a voi l' immaginazione e la scoperta attraverso la lettura. Sta di fatto che Cinder, è una lettura capace di non farti mai annoiare, di catapultarti in un mondo nuovo e sensazionale. Senza intoppi, e con protagonisti ben congeniati e capaci di conquistarti, Cinder è una lettura assolutamente consigliata. 
Probabilmente si capisce fin da subito quale sarà il destino e la reale natura della protagonista, ma questo non toglie affatto il gusto di immergersi nella sua lettura e aspettare con trepida ansia il seguito. Mi auguro solo che non si debba aspettare troppo a lungo.

4 commenti:

  1. ahahaha bello il paragone con "miss Farfallina"!!!
    cmq, bella recensione, a quanto pare non è che riprenda chissà cosa della classica Cenerentola!!
    mi pare una trama ben congegnata e originale!!
    mi incuriosisce molto e lo metto in wish list ^_^

    RispondiElimina
  2. Ahahah Angela, ormai la vedo dovunque..purtroppo!

    RispondiElimina
  3. Io ho adorato questo libro *-*
    Dalla prima all'ultima pagine e spero davvero che la pubblicazione della serie riprenda in Italia...
    Anche noi sul nostro piccolo blog abbiamo scritto una recensione su questo libro, se ti interessa :3
    Una tua visita sarebbe immensamente gradita (scusa per l'eventuale spam indesiderato)
    http://raggywords.blogspot.it/2015/04/recensione-cinder-marissa-meyer.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cinder è uno dei libri YA fantasy ai quali sono più affezionata, davvero molto bello, così come Scarlet..stupendi! Verrò sicuramente a curiosare, grazie per l'invito!

      Elimina