mercoledì 23 novembre 2011

Recensione Il Primo Giorno di Rhiannon Frater

Titolo
Il Primo Giorno
Autore
Rhiannon Frater
Editore
Delos Books
Pagine
360Prezzo
€ 14,90
Trama
Mentre è in fuga da un’orda di famelici Non Morti per salvarsi la pelle, Katie s’imbatte nella drammatica ritirata di Jenni dall’attacco dei suoi familiari, intenti a volerle strappare ogni arto del corpo. Unite per necessità, nelle oscurità di un mondo sull’orlo dell’abisso, le ragazze si rifugiano tra le colline del Texas dove scoprono un gruppo di sopravvissuti isolati in una roccaforte di fortuna. Nel fortilizio i superstiti lottano per la sopravvivenza, sfidando giorno dopo giorno le probabilità di spuntarla sull’orda di zombie. Katie e Jenni sanno che la realtà non sarà mai più la stessa; ciò nonostante la vita continua. Nuove amicizie, nuovi amori e nuove famiglie crescono dalle ceneri dell’orrore e della tragedia. La gente guarisce. E sopravvive.
Il Primo Giorno inizia con l' incontro tra le nostre due protagoniste, Katie e Jenni. Un incontro che avviene in un luogo imprecisato del Texas e in circostanza tragiche.
Jenni, completamente sotto shock, sta cercando di difendersi e fuggire dall' assalto di suo marito e dei suoi figli trasformati in zombie. Dopo aver visto la sua famiglia distruggersi e tramutarsi in creature che fino a quel momento considerava frutto della fantasia, la sua unica speranza di salvarsi è quella di scappare. Ma, braccata dal gruppetto famelico che un tempo era la sua famiglia, si ritrova ormai in trappola. Solo l' arrivo di Katie su un furgoncino bianco riaccende la sua speranza e insieme a lei riesce a scappare e a mettersi in salvo. Grazie a questo salvataggio, Jenni fa la conoscenza di Katie. Entrambe le donne hanno perso i loro affetti più cari. Jenni ha perso il marito con il quale non era in buoni rapporti e i due figli, mentre Katie ha perso la compagna e ha dovuto munirsi di coraggio e autocontrollo per destreggiarsi e dominare la sua paura.
Accortasi che nell' intera città, all' improvviso, regnavano solo caos e morte, ha padroneggiato il suo panico e terrore e l'ha trasformato in cieca determinazione. Ha preso un furgoncino in mezzo alla strada e si è diretta alla ricerca di un posto sicuro. Durante il percorso, incontra Jenni ed insieme a lei e al pastore tedesco trovato all' interno del furgone, si dirigono alla ricerca del figliastro di Jenni, ospite di un campeggio fuori città. Le due donne si accorgono che la gente e l' intero paese sono in preda al caos, ma nessuno ha notizie del motivo reale sulla comparsa degli zombie. Si può solo ipotizzare quanto l' epidemia si stia allargando minuto dopo minuto attarverso un loro morso. L' unica cosa che potrebbe salvarle è la distruzione di zombie e contagiati. E' così che si trasformano in donne ciniche e impassibili, capaci di uccidere uomini, donne e ragazzi contagiati dal morso di uno zombie.
Grazie a due anziani che le forniscono di armi e riparo per un giorno, riescono a salvare il figliastro di Jenni, Jason e a partire per un altro luogo sicuro. Dopo attacchi di orde fameliche di zombie, giungono in una cittadina in cui i sopravvissuti rimasti, con molto ingegno e caparbietà, hanno costruito barricate e muri per difendersi da queste creature voraci e temibili. In questa roccaforte conoscono Trevis, Juan e i gli altri sopravvisuti. Da questo momento tenteranno di ricostruirsi una nuova vita con nuove amicizie e nuovi inaspettati amori, cercando di non lasciarsi prendere dallo sconforto e lottando giorno per giorno per la sopravvivenza. Ma mille pericoli saranno in agguato, e la minaccia non sarà sempre costituita dagli zombie, ma dalle divergenze che si creeranno tra loro durante la convivenza. Dovranno imparare ad adattarsi e a vivere a stretto contatto con persone diverse e ad essere ciniche e spietate quando la situazione lo richiede.

Il Primo Giorno è il primo libro di una serie incentrata sul personaggio dello zombie e creata dall' abilissima penna di Rhiannon Frater. Una donna che ha saputo realizzare un libro in cui le vicende ruotano principalmente attorno a due donne molto diverse tra loro, ma che si ritrovano unite nella lotta contro quelle creature apparse improvvisamente e che sono la causa della distruzione delle rispettive famiglie. Katie appare molto forte e determinata sin dal principio, mentre Jenni mostra in più occasioni la sua fragilità e insicurezza affidandosi completamente e ciecamente nelle mani della sua nuova amica. Il loro rapporto si fa saldo e profondo dal primo momento. Entrambe traggono forza l' una dall' altra, confidandosi e rassicurandosi nei momenti bui. Il mondo in cui vivevano si è risvegliato improvvisamente popolato da zombie e le loro vite cambiano drasticamente dalla sera alla mattina. Katie perde la sua compagna Lydia, mentre Jenni vede suo marito mordere e trasformare i suoi figli in zombie. Jenni ha un lungo passato fatto di violenze e infelicità, e questo spiega la sua debolezza e la sua insicurezza, creando poi un solido legame con Katie e un' ostilità nei confronti di tutti quelli che si avvicinano troppo alla donna. Tra Katie e Jenni, Katie è quella che ho ammirato maggiormente. Mentre Jenni l'ho trovata a tratti insopportabile ed egoista, pur considerando tutto quello che ha passato, a volte risulta eccessiva e pericolosamente fuori di testa, o loca come la definisce Juan. Gli altri protagonisti del romanzo, gli zombie, sono creature orribili e spaventose, ma con un processo di mutazione in corso. Corrono e in un certo qual modo sembra stiano diventando, perlomeno alcuni di loro, più intelligenti di altri.
Il libro accompagna il lettore attraverso la nuova vita delle due donne non più in età adolescenziale, alle prese con una lotta all' ultimo sangue con gli zombie, ma anche con gelosie e nuovi e quantomai imprevisti amori. La lotta sarà cruenta e faticosa e le due donne potranno avvalersi della vicinanza di persone forti, intelligenti e coraggiose come Travis, Juan, Ralph e Nerit. Ma dovranno combattere contro pregiudizi e sensi di colpa che pericolosamente si infiltrano nel cuore.

Il Primo Giorno è ricco di azione, suspance e lotte per la sopravvivenza, ma anche di alleanze e speranza. In una escalation di emozioni e azione, la battaglia si fa sempre più serrata non solo in strada contro orde fameliche di creature terribili, ma anche nel fortino tra gente comune. Di solito il pericolo e le disgrazie uniscono, ma in alcuni momenti potremo constatare che le due donne si ritroveranno in pericolo minacciate dagli stessi umani. Mi è piaciuta molto la seconda parte, probabilmente dovuta all' entrata in scena degli ometti. Da inguaribile romantica, l' ho apprezzata di più anche se la parte "romance" è relativamente messa in secondo piano. Rhiannon Frater non ci spiega il perchè il mondo sia stato invaso dagli zombie, ma di questo paradossalmente neanche ce ne accorgiamo perchè l' intero libro è un susseguirsi di azione e l' autrice a mio parere è stata molto brava a descriverci la paura e il terrore provati dai protagonisti e il loro cammino verso la salvezza. Molti sono i punti di domanda e i misteri che vengono lasciati irrisolti e la curiosità cresce. La narrazione è serrata, attenta, scorrevole, che lascia poco spazio all' inattività.
         1/2   Il Primo Giorno lo consiglierei ad un pubblico amante delle storie horror, per tutti coloro che vorrebbero immergersi in un mondo ormai prossimo alla fine e popolato da creature sanguinarie come gli zombie e per chi volesse una lettura piacevole e intensa e ricca di azione. 

Cover    

 Personaggi      

Trama       1/2

0 commenti:

Posta un commento