venerdì 28 ottobre 2011

Recensione Warm Bodies di Isaac Marion

Oggi esce in tutte le librerie Warm Bodies, il libro sugli zombie e romanzo d' esordio del giovane Isaac Marion. Ed ecco per voi la mia recensione.

Titolo
Warm Bodies
Autore
Isaac Marion
Editore
Fazi
Pagine
270
Prezzo
€ 14,50
Trama
R è un ragazzo in piena crisi esistenziale: è uno zombie. Non ha ricordi né identità, non gli batte più il cuore e non sente il sapore dei cibi, ma nutre molti sogni. La sua capacità di comunicare col mondo è ridotta a poche, stentate sillabe, ma dentro di lui sopravvive un intero universo di emozioni. Un universo pieno di stupore, di nostalgia. Un giorno, mentre ne divora il cervello, R assaggia i ricordi di un ragazzo. Di lì a poco, per lui cambierà ogni cosa; intreccia una relazione con la ragazza della sua vittima, Julie, e sarà per lui un’esplosione di colori nel paesaggio grigio e monotono che lo circonda. Perché l’amore per lei lo trasformerà in un uomo (e in un morto) diverso, più combattivo e consapevole. Di qui avrà inizio una guerra feroce contro i suoi compagni d’un tempo, e una rinascita, le cui conseguenze saranno del tutto inimmaginabili…

Ci troviamo in un futuro in cui della Terra non è rimasto altro che desolazione e abbandono. Una Terra in cui gli umani sono sempre meno, sostituiti e cacciati da orde fameliche di zombie. E in questo scenario post apocalittico e di devastazione che iniziamo il nostro viaggio alla scoperta di uno zombie. Non ricorda niente di sè, nè della sua famiglia, nè da quanto si è trasformato, nè il suo nome. Ricorda solo la sua iniziale: R. E noi lo chiameremo così.
R vive in un vecchio e dismesso aereoporto, insieme a centinaia di altri zombie. La loro vita sembra innaturalmente simile alla nostra sotto certi aspetti. I bambini frequentano la scuola (per imparare ad uccidere un umano), c'è un' imitazione di chiesa dove i più spaventosi e misteriosi zombie, chiamati Ossuti, la gestiscono e la presiedono. Poi ascoltano musica e si sposano. Tra loro c'è un inquietante solidarietà, in particolar modo quando cacciano in branco. Ed è durante un giorno di caccia in città che la vita di zombie di R cambia drasticamente.
Abituato a pensare molto ma a parlare poco e a sillabe e a trascorrere le sue giornate con l' amico M, la sua esistenza subisce un improvviso shock nel momento in cui assaggia il cervello umano di una sua vittima. Da quel momento, pensieri e frammenti di vita del ragazzo che ha ucciso, lo travolgono e lo lasciano confuso e interdetto. In tutta questa confusione, percepisce con certezza una cosa. Che la ragazza che sta per essere mangiata dai suoi compagni zombie, deve essere salvata ad ogni costo. Sente di conoscerla alla perfezione. Sa che il suo nome è Julie e che era la fidanzata della sua vittima. Nei ricordi penetrati nella sua mente l' ha vista e sente che deve proteggerla e tenerla al sicuro. Così fa l' unica cosa che nessuno si aspetterebbe mai, compresa Julie, da uno zombie.
La ricopre di sangue, in modo che sembri perlomeno dall' odore una zombie, e la porta con sè nella sua miserabile abitazione all' aereoporto. Nei giorni seguenti, Julie, inizia a fidarsi a poco a poco di R, specialmente dopo che il ragazzo-zombie gli salva la vita per altre 2 volte. Passano del tempo insieme, tra chiacchierate e musica, in cui alla fine la differenza tra umano e zombie va assotigliandosi passo passo. Arriva però il momento in cui gli Ossuti scoprono la vera natura di Julie e decidono di porre fine alla sua esistenza. Ma R, con l' aiuto di M, e con l' aiuto della Mercedes che Julie gli ha insegnato a guidare, riescono a fuggire e a mettersi in salvo. Ma la vita di Julie non può continuare al fianco di R, soprattutto considerando suo padre, che metterebbe a ferro e fuoco l' intera città pur di trovarla. Così fa una cosa che non avrebbe mai voluto fare. Si allontana da R e torna alla città Stadio. R, si ritrova solo e vuoto. E decide, andando incontro probabilmente alla morte, di inseguirla e trovarla. Ci riuscirà? Insieme troveranno un modo per riparare alla piaga che ha sconvolto la terra e riportare la pace in quest' epoca desolata e ormai prossima alla fine?

Warm Bodies è il secondo romanzo a tema zombie che leggo da sempre. Non sapevo cosa aspettarmi e non sapevo se mi sarebbe piaciuto. E invece mi ha convinto e deliziato dall' inizio alla fine. Romanzo d' esordio di un giovane scrittore, Isaac Marion, Warm Bodies racchiude il soprannaturale con gli zombie, ma anche amore, romanticismo e azione in una combinazione perfetta. Ci troviamo in un mondo in cui una terribile piaga ha distrutto quasi completamente la civiltà, portando i pochi umani rimasti a nascondersi in città Stadio. I restanti esseri viventi che abitano la Terra sono zombie che lentamente stanno falcidiando la popolazione umana. Molti di questi zombie hanno ancora qualche parvenza dell' essere umano che un tempo dimorava in loro, ma molti altri, gli Ossuti, sono ormai privi di alcuna sensibilità e umanità. Protagonista del libro è uno zombie, R, il quale non conosce nulla del suo passato. Non serba memorie della sua vita umana, nè per quanto riguarda il nome nè per quanto riguarda ricordi della sua famiglia o della sua esistenza prima di essere contagiato. Ma a contatto con una sua vittima, Perry Kelvin, ne assorbe ricordi ed emozioni, trasformandosi in uno zombie con la voglia di cambiare e diventare migliore. Diventando uno zombie con sentimenti e sensazioni. Grazie soprattutto alla presenza di Julie, ragazza di Perry, che lo aiuta e infonde in lui coraggio e desiderio di riscatto.
Assisteremo alla crescita del loro legame e al cambiamento che spontaneamente accadrà in R grazie alla presenza di Julie. Assisteremo anche a molti divertenti e saggi scambi di battute e vedute tra R e lo stesso Perry insinuatosi nella sua mente e che lo accompagnerà in questo viaggio. Warm Bodies è stato appunto un bel viaggio nella mente e nella vita di R, appassionante e commovente. Ho scoperto uno zombie molto dolce, coraggioso e caparbio. Isaac Marion ha costruito una storia basandosi su un personaggio che difficilmente potremo non amare. Un personaggio che ci regala emozioni e per il quale ho provato un immediato affetto e solidarietà. Lo stile di Isaac Marion è scorrevole, diretto, chiaro e coinvolgente. Una storia dolce e amara e dei personaggi originali fanno parte di un libro che saprà conquistare il lettore dall' inizio alla fine.
         Una bellissima lettura che consiglio di leggere, a maschietti e femminucce, ad amanti degli zombie e anche a quelli che non li amano, perchè gli zombie di questo libro saranno una piacevole sorpresa.

Cover      

Personaggi         

Trama         

0 commenti:

Posta un commento