lunedì 31 ottobre 2011

Recensione Le Tredici di Susie Moloney

Titolo
Le Tredici
Autore
Susie Moloney
Editore
Giunti
Pagine
384
Prezzo
€ 16,00
Trama
Haven Woods è una specie di paradiso fuori città, un luogo ideale dove abitare e crescere una famiglia. Un posto tranquillo con le sue ville lussuose, i giardini curatissimi, i roseti in fiore e le strade pulite, senza neanche una foglia secca. Qui i cani non abbaiano, ma in compenso gironzolano indisturbati tanti, troppi gatti. Il tasso di criminalità è praticamente inesistente. Almeno in apparenza. Sì, perché a Haven Woods vivono tredici signore elegantissime con tailleur firmati e fili di perle al collo. La morte di una di loro risveglia non solo antiche paure ma anche qualcosa di misterioso e innominabile. E quando Paula Wittmore, che ha abbandonato il villaggio molti anni prima, ritorna per prendersi cura della madre improvvisamente ammalata, non sospetta di essere l'ultima possibilità per le dodici amiche di riportare il circolo al numero magico: tredici. E nemmeno può immaginare a quale destino sta andando incontro: sua figlia, giovane e innocente, potrebbe essere in serio pericolo. Un romanzo denso di colpi di scena e demoni, in cui il vero mostro sembra essere la superficialità.
 
La storia è ambientata in una tranquilla e piccola cittadina, Haven Woods, turbata improvvisamente dal suicidio di Chick, una vecchia signora. Questo suicidio è l' inizio delle disgrazie di alcune donne, apparentemente gentili e inoccue, che dimorano ad Haven Woods. Queste donne formano un inquietante congrega di streghe. Un circolo che dev' essere sempre composto da tredici donne e non dev'essere mai spezzato, ma che ora con la morte di Chick, è sceso a dodici. Questo circolo è composto da donne bellissime e perfette, tra le quali spicca Izzy, il capo della congrega e la figlia Marla. Poi Bridget, Tula, Bella, Aggie e nuove donne reclutate nel corso degli anni da Izzy e Marla. Tra le donne c'è anche Audra, una signora amica di Chick e ormai stanca di far parte delle tredici.  
Adesso con la morte di Chick, Izzy deve cercare una nuova recluta e scorge in Paula la perfetta sostituta della donna. Paula è la figlia di Audra, ma vive lontano da Haven Woods con la figlioletta Rowan, essendo stata cacciata di casa all' età di sedici anni dalla madre per ragioni che comprenderemo in seguito. Dopo un malore, Audra viene ricoverata in ospedale e sorvegliata a vista in modo da non poter avvisare la figlia Paula delle intenzioni delle tredici. Così Izzy chiama Paula per farla tornare finalmente a Haven Woods. Il ritorno in questa spettrale cittadina, riporta alla sua mente ricordi di gioventù, amore e amicizia, creduti ormai sepolti da tempo. Come il ricordo di David, morto poco prima che lei partisse, suo primo e più grande amore o Marla, sorella di David e sua grande amica da adolescente. E suo padre, morto appena subito dopo David.
Ignara di tutto ciò che sta succedendo a Haven Woods ed ignara delle tredici donne, Paula ritorna a casa insieme a Rowan e decidono di restarci per rimanere vicine ad Audra ferma in ospedale. Paula incontra inaspettatamente anche Marla e Sandy, vecchio amico d' infanzia con il quale comincia a frequentarsi. Ma sia Paula che Rowan si rendono conto che nella piccola Haven Woods stanno accadendo troppe cose strane. Come la misteriosa malattia della madre o l' irreperibilità del medico che l' avrebbe in cura, o l' ospedale deserto all' infuori del ricovero di Paula, o l' insistenza di Izzy e Marla nell' osservare e nel parlare della piccola Rowan e l' invasioni di gatti per le stradine della città che sembrano sempre spiare ogni azione di madre e figlia.
Il circolo ha un solo obbiettivo. Avere Paula come nuova recluta e cercheranno in ogni modo possibile di arrivare all' obbiettivo prefissato. Anche a costo di sacrificare qualcuno e questa qualcuno potrebbe essere proprio Rowan. Tra sacrifici di sangue, gatti spioni e malefici, Paula ignara di ogni cosa, continuerà a vivere ad Haven Woods riprendendo amicizia con Marla e spingendosi sempre di più al centro del pericolo. Riuscirà Paula a salvare sè stessa e Rowan da queste donne pronte a tutto pur di avere ogni cosa?

Le Tredici è un bellissimo romanzo autoconclusivo in cui terrore e pericolo sono i protagonisti assoluti. Haven Woods e Le Tredici sono stati definiti da molti come un misto di vecchie sit com americane e Desperate Housewife. A me ha ricordato più le atmosfere di alcuni libri del maestro dell' horror Stephen King. Protagoniste del libro, ovviamente, insieme a Paula e Rowan, sono queste donne, alcune nuove giovani reclute, altre anziane, che compongono il circolo delle tredici streghe. Sono donne perfide che incutono terrore, pronte a usare qualsiasi mezzo per arrivare ad avere il meglio per se stesse. In particolare conosceremo Izzy e Marla, madre e figlia e Audra la madre di Paula. Non tutte queste tredici signore però hanno il cuore divenuto di pietra per la brama del potere. Infatti alcune si ribelleranno e lotteranno contro la congregazione e contro l' oscuro e terribile mostro che le ha create, riservando al lettore qualche sorpresa.
Oltre al gruppetto delle streghe, l' intera ambientazione di Haven Woods è particolarmente inquietante. Come alcune scene spaventose e crude di sacrifici animali, iniziazione e dei gatti che circolano nella cittadina. Con uno sguardo fisso e indagatore e con una mente decisamente malvagia, seguono e spiano i protagonisti come sentinelle agli ordini delle streghe. La controparte buona è affidata a due dolcissimi cani, Gusto e Old Tex, che staranno sempre in guardia a difendere la piccola Rowan. Le Tredici è un libro scritto molto bene. Lo stile è fluido e dinamico, articolato. Molte scene, personaggi e avvenimenti sono strettamente collegati tra loro e narrati in modo chiaro e coinvolgente dall' autrice. Il libro è un esempio di come un romanzo può incutere timore e tenere incollato il lettore in un groviglio di sensazioni e crescente suspance. Il continuo cambio di narrazione tra i vari personaggi è l' unico difetto che ho trovato nel romanzo. Crea un po di confusione, perchè cambia all' improvviso. Il finale è un susseguirsi di emozioni, colpi di scena e sorprese che terranno il lettore col fiato sospeso.

         In definitiva Le Tredici è un romanzo che attrae ed è riuscito a conquistarmi per la sua qualità di saper trasmettere timore ed essere coinvolgente. Una lettura piacevole, intensa e decisamente inquietante.

Cover         

Personaggi             

Trama         

0 commenti:

Posta un commento