venerdì 28 ottobre 2011

Io Mi Chiamo Yorsh di Silvana De Mari, l' ultimo capitolo di una saga fantasy apprezzata in tutto il mondo

Il 3 Novembre il mondo del fantasy si arricchirà di una nuova uscita. Si tratta di Io Mi Chiamo Yorsh di Silvana de Mari, il prequel della saga di successo iniziata nel 2004 con L' Ultimo Elfo pubblicato da Salani Editore, e proseguito con L’ultimo Orco, Gli ultimi incantesimi, Il Gatto dagli occhi d’oro e L’ultima profezia del mondo degli Uomini pubblicata nel 2010 da Fanucci.

Titolo
Io Mi Chiamo Yorsh
Autore
Silvana De Mari
Editore
Fanucci
Pagine
208
Prezzo
€ 9,90
Trama
Io mi chiamo Yorsh, è il prequel de L’Ultimo Elfo e ci farà ascoltare tre voci. Racconterà la storia della nascita di Yorsh, il protagonista de L’Ultimo Elfo: due delle voci che udiremo sono quelle dei suoi genitori, e sarà la dolcissima e tremenda storia dell’incontro di un uomo e di una donna, avvenuto durante un genocidio, mentre il loro popolo, quello degli Elfi, viene deportato. La terza voce, quella che ascoltiamo per prima, è la voce di uno dei distruttori. Quelle dei distruttori sono le voci che noi non abbiamo ascoltato.

L' Autrice
Silvana de Mari è nata nel 1953 in provincia di Caserta e vive sulla collina di Torino. Laureata in medicina, ha esercitato come chirurgo in Italia e come volontaria in Etiopia; oggi si occupa di psicoterapia. I suoi libri sono stati tradotti in venti lingue. Ha ricevuto i premi Andersen nel 2004, Bancarellino nel 2005, Immaginaire per il miglior libro Fantasy nel 2005 e il premio ALA (American Library Association) come miglior libro straniero nel 2006 per il romanzo L’Ultimo Elfo (Salani, 2004), tradotto in tutto il mondo; con L’ultimo Orco ha ricevuto nel 2005 il premio IBBY (International Board on Books for Young People). Con Fanucci Editore ha pubblicato nel 2009 Il Gatto dagli occhi d’oro e nel 2010 L’ultima profezia del mondo degli Uomini, che chiude la saga già avviata dall’editore Salani con L’Ultimo Elfo, L’ultimo Orco e Gli ultimi incantesimi.

0 commenti:

Posta un commento