venerdì 29 luglio 2011

Recensione Il Diario delle Fate di Jane Yolen e Midori Snyder

Titolo
 Il diario delle fate
Autore
Midori Snyder e Jane Yolen
Editore
Newton Compton
Pagine
384
Prezzo
9.90€
Trama
Serana e Meteora erano due bellissime fate sorelle, dame della Regina della Luce e vivevano nel Boscoverde. Un giorno, senza volerlo, scoprirono un segreto che doveva rimanere nascosto e da quel momento la loro vita cambiò per sempre. La regina decise infatti di punirle, separandole e mandandole in esilio sulla Terra: Serana a New York e Meteora a Milwaukee. Come angeli caduti, le due sorelle sono ormai sole, private dei loro poteri magici e soprattutto della loro bellezza e giovinezza. Si trascinano stanche nelle città in cui vivono, affrante per la nostalgia l’una dell’altra e per il ricordo struggente del luogo paradisiaco da cui provengono. Cercano con tutte le forze un modo per comunicare tra loro, senza riuscirvi. Ma la loro presenza sulla Terra è davvero soltanto una punizione? Qual è il vero motivo per cui la Regina della Luce le ha mandate tra gli uomini? Una fiaba piena di poesia in cui convivono l’umano e il soprannaturale, i rumori della metropoli e la magia di un mondo incantato.


Protagoniste del romanzo sono due sorelle, Meteora e Serana, due fate che vivono nel Boscoverde. Il libro si apre con le due sorelle, che nel bosco, assistono ad un appassionante incontro tra la loro Regina e un essere mortale. In modo alquanto ingenuo, successivamente, una delle sorelle rivela ad alcuni folletti della storia tra la loro Regina e l' essere umano e, venuta a conoscenza di queste voci, la Regina stessa caccia le due sorelle dal Boscoverde, la loro casa, e le spedisce in America, nel mondo umano. Le due sorelle vengono separate e divise con una maledizione. Senza poteri e trasformate in vecchie e grassottelle, le sorelle dovranno imparare gli usi e costumi dei mortali e convivranno con la terribile nostalgia che le travolge e con la paura di questo mondo così strano e spaventoso. L' unico modo che avranno per comunicare, sarà tramite le continue lettere che si spediranno frequentemente. Una, Serana, finisce a New York e grazie ad un' assistente sociale, si trasferisce in una casa modesta a vivere da sola, sotto il falso nome di Maribella, e troverà il sostegno e la compagnia dell ' Uomo dei Fiori, un uomo che possiede un negozio di alimentari nel suo quartiere. L' altra, Meteora, esiliata a Milwaukee, sarà più impegnata. Grazie all' aiuto di una strega, Baba Yaga, si trasferirà nella sua casa e con il nome di Sophia, troverà un lavoro come erborista in un ipermercato. Dovrà tenere testa a ragazzi che vivono nel suo stesso condominio, sempre ubriachi e casinisti, conoscerà piccoli ragazzi-corvo, metà umani e metà uccelli, rapiti quando erano in fasce dalle fate e trasformati in questi piccoli essere fatati, tristi e tormentati. E, inoltre, farà la conoscenza di una ragazza. Fuggita dal suo passato turbolento e doloroso, con un' affinità inspiegabile col mondo fatato e, come Meteora, aiutata da Baba Yaga e stabilitasi nell' appartamento sotto di lei. Questa ragazza, dagli occhi incredibilmente verdi, e continuamente tormentata da incubi, incuriosisce Meteora che cerca in ogni modo possibile di aiutarla, nonostante la ragazza sia spesso sfuggente e timorosa. Il suo nome è Sparrow, un nome inventato, come gli altri nomi che si inventava quando fuggiva da una casa famiglia all' altra. E mentre Meteora cercherà di capirci un po di più su questa ragazza e inizierà a frequentare un uomo, Serana incontrerà sulla soglia di casa sua, un ragazzo, metà uomo, metà cane che chiederà il suo aiuto per sfuggire ad un padre mostruoso e sovrannaturale. Le sorelle in continuo contatto tra loro, capiranno che la conoscenza con il ragazzo-cane e con Sparrow non sarà casuale e che in ballo ci sarà qualcosa di molto importante e potente. Qualcosa che smuoverà l' intero mondo fatato, qualcosa che deciderà le sorti della corte della Luce e quelle del mondo delle Tenebre. Anche perchè ci saranno degli individui terrificanti che le seguiranno e daranno la caccia a qualcosa o a qualcuno di molto importante. Intanto le due sorelle cercheranno di far incontrare i due ragazzi, e dovranno difendersi, con la conoscenza delle erbe e delle piante, contro gli esseri malvagi che le circondano. Sapranno, Serana e Meteora, capire a cosa danno la caccia gli esseri malvagi del mondo delle Tenebre? E il loro esilio sulla Terra sarà davvero solo una punizione? Cercheranno di mettere insieme tutti i pezzi di un intricato puzzle e di riabbracciarsi, ma le insidie sono dietro l' angolo. Di chi potranno fidarsi? E chi sono veramente i due ragazzi?
Il Diario delle Fate è un libro scrittro a quattro mani, da due scrittrici di successo quali Jane Yolen e Midori Snyder. Due autrici famose all' estero per i loro racconti per bambini. Questo libro non è dedicato ai bambini, ma si rivolge sostanzialmente più ad un pubblico adulto, anche se lo stile e la narrazione magica e l' ambientazione fatata ci riportano a sognare un mondo popolato da fate e folletti tipico dei sogni e fantasie fanciullesche.
Un urban fantasy particolare, autoconclusivo, una fiaba per persone cresciute, tra umano e fantastico, tra mortale e fatato, tra sofferenza e incanto. Lo stile delle due autrici è molto dettagliato, usano descrizioni perfette e poetiche, e una cura per il minimo particolare. Una scrittura scorrevole, magica, articolata.
Diversi i punti di vista, che cambiano in ogni capitolo. Le voci narranti principali sono ovviamente le due sorelle, ma potremo leggere anche il racconto dalla prospettiva di Sparrow e Robin, il ragazzo cane. Inoltre scorgeremo i pensieri di uno dei cattivi, Falco, il tatuatore che cattura nella sua rete Sparrow e l' inquietudine e l' animo della Regina. Le due protagoniste, al principio superficiali, pettegole e amanti dell' aspetto esteriore, con la loro trasformazione in vecchie donne lontane dal loro aspetto perfetto e lucente di fate, cambiano il loro modo di affrontare e considerare la loro precedente vita. Si prodigano a distribuire aiuti agli esseri fatati che come loro sono stati colpiti da dannazioni e sofferenze, castighi e maledizioni. Nel loro piccolo, private della magia, dispensano aiuto, cibo e ospitalità a due ragazzi che necessitano della loro protezione e cura. A prima vista sono stata colpita dalla trama. Intrigante, diversa, magica..poi è subentrata la cover..affascinante e per ultimo e da non sottovalutare, il mio amore per il mondo magico che ha fatto il resto..Ed è per questi tre motivi che mi sono spinta a comprare questo romanzo. Letto in pochi giorni, Il Diario delle Fate è un romanzo che sa infondere poesia e magia. E' una lettura piacevole, diversa. Non mi ha colpito particolarmente per l' azione. Ci sono parecchi momenti lenti. E' una lettura dolce e particolare. Un' opera fantasy caratteristica, è un' immerisione nelle classiche tradizioni e leggende magiche e del mondo fatato.

          Consigliato, per una lettura differente, magica e piacevole.


Cover         

Trama      

Personaggi         1/2

3 commenti:

  1. meraviglioso leggetelo

    RispondiElimina
  2. Io sono al capitolo 17 e fino ad ora mi sembra un pò noioso spero sia migliore più avanti.

    RispondiElimina
  3. L'ho letto tutto d'un fiato...davvero bello, piacevole e anche affascinante.
    Lo consiglio vivamente, ti lascia il dolce nel cuore dopo che lo hai letto!

    RispondiElimina