mercoledì 1 giugno 2011

Recensione Matched di Ally Condie

Titolo: Matched
Autrice: Allyson Condie
Editore: Fazi
Pagine: 350
Euro: 18,50
Uscita: 13 maggio 2011

Trama:
E' il quindici del mese e, come è consuetudine, la Società celebra i Banchetti di Abbinamento. Cassia Maria Reyes ha 17 anni ed è arrivato per lei il momento di partecipare finalmente al suo Banchetto. Curiosa di sapere chi le verrà assegnato, Cassia ripone grande fiducia nelle scelte della Società: sa che il suo sarà il compagno perfetto. Quando i Funzionari chiamano il suo nome si alza e si dirige verso lo schermo dell'Abbinamento. Pochi secondi di attesa prima di scoprire che il suo compagno è un caro amico, un ragazzo che conosce da tutta la vita, Xander. Ma non è il volto di Xander quella che compare sullo schermo di casa sua, una volta inserita la micro card in dotazione a ogni ragazzo appena abbinato. Il volto appartiene a un altro ragazzo, Ky. Cassia si trova ora a un bivio, divisa tra due scelte impossibili: tra Xander e Ky, tra un'esistenza preordinata e un percorso che nessuno ha mai avuto il coraggio di seguire. Divisa tra due vite. Una pianificata e controllata e una illegale, pericolosa ma libera. Non più un quadro dove gli unici colori siano il bianco e il nero, ma un arcobaleno di tonalità, scelte da lei e non da chi ha sempre deciso al suo posto.

RECENSIONE MATCHED


Volevo sapere qualcosa in più su questo ragazzo che vive tra noi, ma non parla quasi mai. Su cosa gli fosse successo prima. Volevo sapere qualcosa in più sul mio Promesso sbagliato. Ma adesso sento che scoprire cose su di lui è un modo per scoprirle anche su di me. Non mi aspettavo di innamorarmi delle sue parole. In quelle parole non mi aspettavo di ritrovare me stessa. Innamorarsi della storia di qualcuno è proprio uguale a innamorarsi della persona stessa?


Siamo a Mapletree e la protagonista di Matched è Cassia, diciassette anni, studentessa con un prossimo futuro da catalogatrice, figlia e sorella modello. Ci troviamo in un futuro lontano dove la società è perfetta, controllata fin all ultimo dettaglio, in cui tutti conducono una vita sana e felice. Ti portano da mangiare, ti abbinano a persone che dovrai sposare e con cui dovrai avere dei figli e ti fanno morire serenamente al compimento degli ottant'anni. Uno si chiede cosa si può avere di più? Beh la risposta è semplice..una scelta. Una scelta che nessuno in questa società ha, nessuno che si ribella, nessuno che sembra capire che tutto questo è profondamente sbagliato. Nemmeno Cassia in principio si accorge di questo. Lei è una ragazza che vive serena e ama questo mondo e questo modo di vivere. Ha partecipato al Banchetto di Abbinamento (la cerimonia in cui viene assegnato il Promesso, colui con il quale passerà il resto della sua vita e con il quale avrà dei figli) e sopresa delle sorprese le è stato abbinato Xander, il suo migliore amico. Cassia sa tutto di lui e la profonda amicizia che lo lega a lui non la spaventa, anzi pensa che meglio per lei non poteva andare. Ma qualcosa in lei inizia a scricchiolare quando a casa decide di vedere cosa c'è sulla microscheda che le hanno dato durante il Banchetto e che contiene tutti i dati di Xander. Ma per un secondo, al posto della foto di Xander, compare il viso di un ragazzo che Cassia conosce bene. E' quello di Ky, un ragazzo taciturno e serio che frequenta la sua scuola e che abita vicino a lei. La spiegazione dei Funzionari è quella di un semplice e stupido scherzo che qualcuno ha voluto fare. Ma da quel momento in lei sorgono dei dubbi, che crescono quando suo nonno prossimo agli ottant' anni e quindi alla morte, le consegna un bigliettino nascosto in un portacipria con scritta una bellissima poesia, vietata e fatta cancellare dalla società.


Non andartene docile in quella buona notte,
i vecchi dovrebbero bruciare e delirare al serrarsi del giorno;
infuria, infuria contro il morire della luce.
Benché i saggi conoscano alla fine che la tenebra è giusta,
poiché dalle loro parole non diramarono fulmini
non se ne vanno docili in quella buona notte.


Perchè grazie a quella poesia e grazie anche alla rivelazione del passato di Ky, Cassia scopre che la società in cui vive forse non è poi così giusta. Forse si può scegliere come vivere, come amare e come morire.
Lei vuole veramente passare il resto della sua vita con Xander?Perchè da quel momento in poi il viso di Ky, i suoi occhi e la sua presenza la ossessionano e non fa altro che pensare a lui. Quale sarà la scelta di Cassia? Xander o Ky?

Leggere questo libro mi ha fatto ricordare due libri ambientati in un futuro distopico come questo, ovvero Delirium e Hunger Games. Ma sinceramente a differenza di questi due libri Matched l'ho trovato leggermente noioso. Mi spiego meglio..Matched mi è sembrato più che altro una lunghissima introduzione alla storia vera e propria che mi auguro si svilupperà nei libri successivi. Trovo che l' abbondanza delle descrizioni alla fine abbia annoiato un po troppo. Si, la storia di Cassia è particolare, tutti gli ambienti esterni e i personaggi minori sono ben costruiti e meritano un voto più che positivo. Ma la storia di per sè l'ho trovata piatta, senza colpi di scena particolari o senza quel pizzico di suspance che amo leggere e che mi ha fatto innamorare perdutamente di Hunger Games. Perchè il paragone viene spontaneo. In Hunger Games Katniss ti colpisce subito al cuore e vivere la sua storia è come stare sulle montagne russe, ti sconvolge, ti appassiona e ti emoziona. Mentre Cassia non ha lo stesso spirito e carisma. Vive la sua giornata districandosi tra lavoro, scuola e l' amore per Ky che non ho trovato particolarmente appassionante. Il finale probabilmente da a Matched qualche punto positivo e lascia ben sperare per il seguito. Parlando dei personaggi maschili, Ky è un ragazzo dal passato misterioso e Xander è una figura dolce e comprensiva, ma a parte questo non li ho trovati particolarmente interessanti ed emozionanti. Non voglio comunque elencare solo cose negative, ci sono anche quelle positive. La copertina ad esempio..scherzo! Beh si la copertina è davvero bellissima, ma non c'è solamente questo. Come dicevo prima i personaggi e l'ambiente e tutte le sue caratterizzazioni sono ben scritti e ben riusciti. La storia di per se forse è stata fatta proseguire un po troppo per le lunghe, però l'idea di abbinamenti, distretti e funzionari, seppur già visti ultimamente non è male e l'ho apprezzata.
Non capisco però come mai ogni volta che un libro viene pubblicizzato all' ennesima potenza poi in realtà si rivela una delusione.
Per adesso si merita , ma come ho detto prima mi auguro che il prossimo libro avrà un seguito più coinvolgente ed emozionante.

0 commenti:

Posta un commento